Cesare Cremonini piange la morte del padre

Storico medico di base di San Lazzaro di Savena, è deceduto il padre di Cesare Cremonini.

Si è spento all'età di 94 anni il padre di Cesare Cremonini, medico di base e nutrizionista nato nel 1924 a Sant’Agata Bolognese. Sui social lo stesso Cremonini ha voluto ricordare l'amato padre, scrivendo una lettera a nome suo e di Vittorio, fratello maggiore.

Eri nostro padre, mio e di mio fratello Vittorio, ma anche “al dutåur”, il dottore, per tutti gli altri. Scegliesti un angolo del mondo per cominciare. Un posto dove nessuno prima di allora aveva mai visto un medico. E dopo tutta una vita dedicata agli altri, hai visto? Oggi in tantissimi vogliono dirti grazie. Al posto mio avresti di sicuro smorzato l’emozione con uno dei tuoi proverbi. I tuoi pazienti sono stati i tuoi figli e io sono orgoglioso di essermi sentito pari a loro. Da ogni visita notturna tornavi con un regalo per me e mio fratello, e mi raccontavi chi erano le persone che avevi guarito. Ci hai insegnato così il valore dell’uguaglianza e della gratitudine nel fare parte di una comunità. Mi hai visto partire da un pianoforte più alto di me, appoggiato a un muro di casa, dove mi chiedevi di suonare la sera per toglierti la stanchezza, e mi hai visto arrivare dove ho sempre sognato.
Non smetterò mai di pensarti e cantarti, perché con te il mondo era più bello. Ma se una canzone che stia al posto tuo non c’è, eccola qua. È come se fossi con me. Ciao babbo.
Cesare e Vittorio.

Ad accompagnare queste parole un bellissimo video, che vede i fratelli Cremonini tra le braccia di papà Giovanni, per una vita dottore di famiglia a San Lazzaro di Savena. Qui, 4 anni fa, hanno voluto realizzare una targa per il suo costante impegno a favore della comunità locale, mentre nel 2017 l'attuale sindaco Isabella Conti gli ha dedicato e intitolato la sala principale della Casa della Salute di San Lazzaro.

Visualizza questo post su Instagram

Eri nostro padre, mio e di mio fratello Vittorio, ma anche “al dutåur”, il dottore, per tutti gli altri. Scegliesti un angolo del mondo per cominciare. Un posto dove nessuno prima di allora aveva mai visto un medico. E dopo tutta una vita dedicata agli altri, hai visto? Oggi in tantissimi vogliono dirti grazie. Al posto mio avresti di sicuro smorzato l’emozione con uno dei tuoi proverbi. I tuoi pazienti sono stati i tuoi figli e io sono orgoglioso di essermi sentito pari a loro. Da ogni visita notturna tornavi con un regalo per me e mio fratello, e mi raccontavi chi erano le persone che avevi guarito. Ci hai insegnato così il valore dell’uguaglianza e della gratitudine nel fare parte di una comunità. Mi hai visto partire da un pianoforte più alto di me, appoggiato a un muro di casa, dove mi chiedevi di suonare la sera per toglierti la stanchezza, e mi hai visto arrivare dove ho sempre sognato. Non smetterò mai di pensarti e cantarti, perché con te il mondo era più bello. Ma se una canzone che stia al posto tuo non c’è, eccola qua. È come se fossi con me. Ciao babbo. Cesare e Vittorio.

Un post condiviso da cesarecremonini (@cesarecremonini) in data:


  • shares
  • Mail