Riccardo Sinigallia: "Fratello arrestato, per Francesco Zampaglione momento difficile e delicato"

Parla l'ex componente della band e amico del cantante: "Non c’è molto che che io abbia voglia di dire pubblicamente..."

La notizia dell'arresto del fratello di Federico Zampaglione dei Tiromancino ha destato clamore inevitabilmente anche in rete. Nelle scorse ore Riccardo Sinigallia, ex componente della band e storico collaboratore di Federico, ha commentato il caso sui social. Ecco cosa ha scritto su Facebook rispondendo a quanti gli hanno chiesto informazioni sul fattaccio:

A chi mi chiede notizie, analisi, motivazioni e retroscena su Francesco Zampaglione rispondo con questo post.
E’ una delle persone più importanti e presenti nella mia vita, da quando abbiamo 18 anni.
Siamo cresciuti insieme, ci siamo visti e parlati a lungo il giorno dopo il concerto di villa Ada, in cui ci siamo ritrovati emozionatissimi sullo stesso palco dopo tanto tempo.
E’ un momento difficile e delicato, non c’è molto che che io abbia voglia di dire pubblicamente.
L’unica cosa che mi interessa ribadire è che si tratta di un artista e di una persona speciale, non solo per me, ma in assoluto.
Quindi prima di commentare superficialmente o di chiedere affannosamente rivelazioni per il gusto del pettegolezzo rifletterei e aspetterei di capire.
Mi auguro che chi avrà a che fare con lui in questi giorni difficili ci si relazioni nel modo giusto.
Sarà lui stesso a spiegare se e quando vorrà il suo punto di vista.
Io non ne ho bisogno più di tanto e lui sa benissimo quanto e in che modo io e Laura siamo con lui in questo momento.
Grazie.

Da parte di Zampaglione, per il momento, silenzio stampa.

  • shares
  • Mail