Kasia Smutniak ricorda Taricone: "Grazie a lui aiutiamo i bambini in Nepal"

L'attrice ricorda il marito scomparso a soli 35 anni. Avrebbe compiuto 44 anni quest'anno, ma è già da 10 anni che non c'è più.

Una lunga intervista al Corriere della Sera quella rilasciata dall'attrice Kasia Smutniak, che dopo molto tempo decide anche di dar voce ad alcuni dei suoi ricordi più preziosi con Pietro Taricone, ex marito e padre della sua Sophie, ormai adolescente, scomparso a 35 anni a seguito di un incidente paracadutistico.

Kasia spiega inoltre il motivo per il quale, compiuti i suoi primi 40 anni, abbia voluto fermarsi per un po', abbandonando il cinema più di recente e mettendosi letteralmente 'in pausa' per i mesi a venire:

"Anziché raccontare le vite degli altri, mi sono data un po’ di tempo per vivere la mia. Quella quotidianità che tanto mi manca: sedermi al bar con un caffè, leggere i giornali, andare a prendere i figli a scuola… Cose semplici e difficili, non voglio rinunciarci più. Non ho fretta di tornare sul set. Lo farò solo se ne vale la pena"

Proprio quest'anno ricorrono i 10 anni dalla morte del marito Pietro Taricone, un trauma che Kasia ha impiegato molto molto tempo prima di riuscire a superare, ma che ha voluto trasformare in un qualcosa di veramente positivo per molti, ossia in una scuola in Nepal per i più piccoli:

"La Ghami Solar School tra le montagne del Mustang è diventata per tanti bimbi un’occasione di partenza, per la comunità una possibilità di riscatto. Vogliamo allargarla, abbiamo bisogno di aiuti. Sostenere la raccolta fondi con il crowd -funding, sarebbe per me il più bel regalo. La Ghami Solar School è una scuola nata in Nepal, che si prefigge l'obiettivo di garantire ai bambini del Mustang di completare un ciclo di studi di base, dalle elementari alle medie, per farli acquisire quelle nozioni generali e quella formazione di cui oggi sono totalmente privi e quindi impossibilitati ad un confronto paritario con il mondo moderno"
  • shares
  • Mail