Elisa Isoardi bacia il nipotino sulle labbra e viene criticata. La replica: "Chi ha il sospetto, ha il difetto"

Elisa Isoardi ha replicato alle critiche di questi giorni causate da una foto pubblicata su Instagram.

L'ennesima, inutile, polemica via social, recentemente, ha avuto come protagonista, suo malgrado, Elisa Isoardi, conduttrice de La prova del cuoco, programma che tornerà in onda a settembre su Rai 1.

Poco tempo fa, infatti, la Isoardi ha condiviso sui social, una foto che la ritrae insieme al nipotino Edoardo, 5 anni. Da zia affettuosa, la conduttrice ha coccolato il nipotino, dandogli anche un bacetto sulle labbra, immortalato con una foto, un gesto innocente che, purtroppo, è stato ampiamente criticato perché, di questi tempi, si è abituati a vedere il peggio in ogni cosa, anche quando non c'è.

Elisa Isoardi, ovviamente, non ha gradito le critiche, né alcune osservazioni alquanto inopportune, e ha deciso di rilasciare una dichiarazione in merito all'AdnKronos per mettere un punto alla vicenda.

Queste sono state le dichiarazioni di Elisa Isoardi:

Attorno al 1300, a un ballo di corte una contessa perse una giarrettiera. Il re in persona si chinò a raccoglierla per aiutare la gentildonna. Chi lo vide con quell’indumento intimo nelle mani, iniziò a bisbigliare alle spalle del sovrano d’Inghilterra che pronunciò verso di loro solo alcune parole, "Honi soit qui mal y pense", che ancora oggi è il motto dell’ordine cavalleresco più antico ed elevato d'Inghilterra. L'Ordine della Giarrettiera, appunto. In un’epoca in cui ogni nostro atto è vivisezionato e studiato, l’affetto viene ritenuto pericoloso. Si scomodano esperti e si citano testi di pedagogia e psicologia per dimostrare che un gesto del tutto naturale come un bacio a un bimbo possa nascondere chissà quali insidie. Ebbene, io non voglio chiamare docenti e saccenti in mia difesa. Se non bastano le antiche parole di sua maestà Edoardo III, mi appellerò alla saggezza di un vecchio adagio di casa mia che, traducendo dal piemontese, recita più o meno così: "Chi ha il sospetto, ha il difetto".

  • shares
  • Mail