Selvaggia Lucarelli: "Preferisco entrare in trattoria che in una taglia quaranta"

Per 7 anni Selvaggia Lucarelli è stata vegetariana.

Tornata da poco in libreria con Falso in Bilancia, Selvaggia Lucarelli si è concessa una lunga intervista sul settimanale Oggi, spaziando tra fornelli, padelle, forme e la propria vita privata. L'amato Lorenzo Bigiarelli, infatti, è un cuoco. Come resistergli?

Credo che lui riassuma tante mie passioni. Quando l’ho conosciuto era un cantante e si chiamava Lorenzo, e qui ci vedo il mio imprinting per Jovanotti. Poi la passione comune per i sapori di sicuro ci ha unito. Pensi che abbiamo cambiato la meta del nostro prossimo viaggio per questo. Saremmo dovuti andare in Iran e invece partiremo per la Cina perché ha una cucina sorprendente e varia.

Innamorata del cibo, la Lucarelli oscilla tra la volontà di dimagrire e il piacere del magiare. "Preferisco entrare in trattoria che in una taglia quaranta: sono una vera appassionata di cibo: ognuno è addicted di qualcosa". "Io sono una di quelle che oscilla di dieci chili, o due taglie: mi metto a dieta per necessità, prendo peso per soddisfazione. Sono nata affamata, ho vissuto cercando di saziar- mi. È il mio karma. Quando dimagrisco so che non sarà per sempre".

E pensare che nel passato di Selvaggia, c'è stato un lungo periodo da vegetariana: "Pochi lo sanno e nessuno ci crede, ma io per sette anni sono stata vegetariana: diciamo tra i 20 e i 27. Lo sono diventata per essere come Jovanotti, che amavo sconsideratamente. In quegli anni sono diventata vegetariana e ho aperto un blog per essere come lui. Tutto quello che è successo dopo si può dire che sia colpa sua".

  • shares
  • Mail