Serena Grandi contro il suo ex compagno: "Costretta a spegnere il telefono, ha cercato anche di entrare a casa mia"

Il post condiviso sui social da Serena Grandi.

Non è la prima volta che Serena Grandi parla del suo ex compagno, sottolineandone i comportamenti persecutori a causa dei quali l'attrice bolognese ha perso la serenità e la tranquillità (ricordiamo, tra l'altro, che la Grandi è alle prese anche con seri problemi di salute).

Giunta nuovamente allo sfinimento, Serena Grandi ha condiviso un lungo post sui social contro l'ex compagno, aggiungendo anche uno screenshot che mostra l'elevato numero di chiamate alle quali l'attrice, ovviamente, non ha risposto.

In breve, Serena Grandi ha dichiarato di essere costretta, ormai, a spegnere lo smartphone, affermato anche di non aver trovato l'opportuno sostegno da parte delle forze dell'ordine.

Di seguito, trovate parte del messaggio condiviso da Serena Grandi:

Oggi, ho deciso di tralasciare la mia educazione e il mio estremo senso della privacy, perché sento la necessità di dover mostrare questo screenshot, uno dei tanti purtroppo. Da quando ho concluso la mia storia con quest’uomo (poiché la sua vicinanza non ha fatto che ledere alla mia vita), questo è il risultato, insieme ad altre cose squallide e prive di ogni ritegno. Pensare che ogni sera mi ritrovo costretta a dover spegnere il telefono poiché è un continuo di telefonate mirate probabilmente a farmi impazzire e a violare la mia intimità e quello delle mie mura. Io ho i miei affetti lontani, mio figlio a Milano, e trovo una violenza il dovermi privare di un mezzo che è adibito alla comunicazione, non all'ossessionare qualcuno poiché non si rassegna. Tralasciando il fatto che quest’uomo ha cercato di entrare più di una volta in casa mia, e quando mi sono rivolta alle forze dell’ordine mi è stato detto qualcosa che somigliava a "ingaggi qualcuno per difenderla" ma in tono rivolto ad affidarmi alla malavita per tutelarmi, e la cosa la trovo di una tristezza infinita. Chiedo aiuto a voi, non voglio più vivere nella paura che le mie parole non vengano ascoltate, e che le mie mura vengano violate. Io sono nata libera e la mia libertà non la potrà arginare nessuno, se non quel qualcuno che dall'alto ci osserva.

  • shares
  • Mail