Caterina Balivo madrina del Pride di Milano 2019, è polemica social

La conduttrice di Vieni da me scelta per guidare il corteo, Taylor Mega: "Sarei dovuto esserci io"

Il prossimo 29 giugno le strade di Milano si tingeranno dei colori dell'arcobaleno. Sta per avvicinarsi, infatti, il giorno in cui il capoluogo meneghino ospiterà la parata del Pride, che quest'anno offrirà l'occasione alla città di celebrare il cinquantesimo anniversario dei moti rivoluzionari di Stonewall e di rendere giustizia a tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita in nome dell'uguaglianza sociale e della ricchezza delle diversità. Nelle scorse ore è stato annunciato che, a guidare il corteo, arriverà direttamente da Rai1 una conduttrice che ha appena concluso la prima stagione del suo talk show pomeridiano: si tratta di Caterina Balivo, padrona di casa a Vieni da me e ora madrina d'eccezione della manifestazione.

La scelta dell'organizzazione di ospitare Caterina Balivo al Pride di Milano ha suscitato molte polemiche in rete, alimentate soprattutto da chi non ha dimenticato alcuni scivoloni della conduttrice campana, che è in passato ha dimostrato di avere scarsa dimestichezza in materia di orientamento sessuale e di identità di genere. Nel 2017, durante le serate del Festival di Sanremo, Caterina Balivo pubblicò un video sulle Storie di Instagram per commentare la prestanza fisica di Ricky Martin, ospite all'Ariston, rivelando senza mezzi termini:

Ricky Martin sei bono, anche se froc*o!

Rimosso in fretta e furia il video dopo essersi resa conto del contenuto offensivo, la conduttrice si è recentemente resa protagonista di un altro momento imbarazzante durante una diretta el suo programma, quando, chiedendo all'ospite Alba Parietti il nome di una collega opinionista valida tanto quanto lei, e ricevendo come risposta Vladimir Luxuria, commentò: "Dimmi il nome di una donna donna, con la gonna".

La notizia della partecipazione di Caterina Balivo al Pride di Milano 2019 non ha lasciato in silenzio nemmeno alcuni personaggi dello spettacolo, che su Instagram hanno espresso perplessità per la nomina. In particolar modo, la performer Elenoire Ferruzzi su Instagram ha tacciato le dichiarazioni passate della conduttrice di omofobia, mentre Taylor Mega ha commentato che avrebbe dovuto lei guidare il corteo.

  • shares
  • Mail