Nicolas Vaporidis difende Fausto Brizzi: "Ha subito una gogna mediatica. La modalità mi terrorizza"

Nicolas Vaporidis parla su Radio2 di Fausto Brizzi e difende il regista: "Quello che gli è stato fatto è una gogna mediatica che a me spaventa perché chiunque potrebbe finirci dentro"

Nicolas Vaporidis torna a parlare di Fausto Brizzi e della vicenda molestie: “Conosco Fausto da tanti anni, mi sembra molto difficile conoscendo il sistema e conoscendo lui che tutto ciò possa essere vero, ma non lo so per certo. Quindi mi fido di fonti più autorevoli”. Intervenuto su Radio 2 al programma I Lunatici, l’attore lanciato proprio dal regista in Notte prima degli esami esprime parole d’affetto nei confronti dell’amico.

“Io a Fausto sono affezionato e gli voglio molto bene. Ha una bellissima figlia, quello che gli è stato fatto è una gogna mediatica che a me spaventa perché chiunque potrebbe finirci dentro. La modalità mi terrorizza. E' agghiacciante. Io a Fausto voglio bene come essere umano e come amico, come regista lo stimo molto".

In merito al film, Vaporidis ricorda come tutto ebbe inizio:

All’inizio non volevo nemmeno fare il provino. Nessuno sul set si rendeva conto che Notte prima degli esami sarebbe diventato un cult. Nasceva con Laura Chiatti come protagonista, poi lei fece un film con Sorrentino ed arrivò Cristiana Capotondi. Eravamo tutti giovanissimi e praticamente sconosciuti, anche Brizzi era lo sceneggiatore dei film di De Laurentis, non aveva mai girato nulla. Eravamo tutti freschi, inconsapevoli, dedicati totalmente a quel progetto. Siamo rimasti tutti sorpresi da quel film, è stato un tsunami, una cosa che ti arriva addosso e ti stravolge totalmente la vita”.
  • shares
  • Mail