Giampiero Galeazzi: "Un errore presentarmi a Domenica In sulla sedia a rotelle... Sui social, mi hanno fatto il funerale!"

Giampiero Galeazzi è stato intervistato da Fuorigioco, supplemento de La Gazzetta dello Sport.

Giampiero Galeazzi è tornato oggi a Domenica In dopo aver presenziato all'ultima puntata del 2018 del contenitore domenicale condotto da Mara Venier e in onda su Rai 1, andata in onda lo scorso 30 dicembre.

Durante l'intervista andata in onda oggi, la Venier ha avuto un momento di commozione che l'ha costretta ad abbandonare lo studio per qualche minuto. Ciò che è accaduto è stato prontamente documentato dai colleghi di TvBlog.

Lo scorso 30 dicembre, Galeazzi si era presentato in studio su una sedia a rotelle e rilasciando dichiarazioni un po' tristi ("Mi rimangono gli ultimi 500 metri della mia vita...").

Sui social, oltre all'entusiasmo scatenato dal ritorno del Bisteccone, si è parlato molto anche delle sue condizioni di salute. In molti hanno ipotizzato addirittura che Galeazzi fosse affetto dal morbo di Parkinson.

Intervistato da Fuorigioco, supplemento de La Gazzetta dello Sport, Galeazzi ha dichiarato che mostrarsi su una sedia a rotelle è stato un errore. Il celebre giornalista sportivo, infatti, era reduce da un'operazione e ha spiegato i motivi per i quali si è dovuto sedere su una carrozzina:

Un errore presentarmi a Domenica In sulla sedia a rotelle. Sui social, mi hanno già fatto il funerale ma io sono ancora vivo, eh. Ho sbagliato a presentarmi in quel modo. La verità è che sono reduce da un’operazione al ginocchio sinistro, mi muovo con le stampelle. Lo studio era pieno di cavie e, per non rischiare, un assistente ha pensato bene di mettermi su una carrozzina.

Galeazzi, quindi, ha smentito di essere affetto da morbo di Parkinson, dichiarando di avere problemi con il diabete e ridimensionando la gravità del suo stato di salute:

Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe. Ho sbalzi di pressione, gonfiore alle gambe. Quando mi emoziono, mi tremano le mani, ma non sono messo così male. A 72 anni ho anche perso un po’ di chili.

Il giornalista, telecronista ed ex canottiere, ovviamente, ha gradito le tantissime manifestazioni d'affetto che ha ricevuto dopo la sua ospitata a Domenica In e ora sogna un ritorno anche come conduttore televisivo:

Sono state inaspettate, questo ritorno di popolarità mi aiuta. La gente non mi ha dimenticato. Ho unito due diverse tipologie di pubblico. Sono stato Pippo Baudo e Sandro Ciotti messi assieme, una bomba atomica. Mara Venier mi ha cambiato la vita. Mi piacerebbe rifare in chiave moderna 90° Minuto.

  • shares
  • Mail