Franca Leosini: "Natale? Non amo le feste. Si avverte il vuoto di certe assenze con più intensità"

Franca Leosini è stata intervistata dal programma radiofonico I Lunatici.

Franca Leosini, giornalista e conduttrice televisiva, volto storico di Storie maledette, il programma dedicato alla cronaca nera in onda su Rai 3, è stata intervistata dal programma radiofonico I Lunatici, in onda su Rai Radio 2.

La giornalista napoletana, ovviamente, ha parlato delle festività natalizie conclusesi da poco, esternando un pensiero controcorrente, mai banale, come nel suo stile, e assolutamente condivisibile.

La Leosini, infatti, si è concentrata soprattutto sui lati "negativi" del Natale, sulla malinconia causata dalle persone che non ci sono più che, durante le feste, tende ad essere avvertita con maggiore forza. La giornalista ha anche dedicato un pensiero alle persone meno fortunate:

Penso a quelli che lavorano o magari hanno un momento di difficoltà. Penso alle persone un po' più sole, in questi giorni i nostri pensieri devono essere indirizzati soprattutto a loro. Il Natale l'ho trascorso in famiglia, vivo a Roma ma sono una napoletana, sono tornata a Napoli, sono stata in famiglia. Non amo in particolare le feste natalizie, sono giorni in cui si avverte con maggiore intensità il vuoto di certe assenze. In questi giorni questo vuoto si avverte di più, questo è il lato meno luminoso delle feste, che comunque sono meravigliose, soprattutto per i bambini.

Anche il Capodanno, purtroppo, non trasmette pensieri particolarmente allegri a Franca Leosini:

Tutti noi abbiamo fatto baldoria qualche volta il 31, ma questi sono giorni di passaggio, non li amo particolarmente. In questi giorni necessariamente, quando hai un briciolo di sensibilità, non può non accompagnarti un filo di nostalgia, di malinconia.

La giornalista e conduttrice napoletana, però, durante il resto dell'anno, è una persona ottimista e cerca di guardare al 2019 con positività. La Leosini, inoltre, è orgogliosa del fatto che il suo programma Storie maledette abbia ottenuto un certo successo anche tra i giovani:

Quello che sta finendo è stato un anno di grande soddisfazione. Do molto al lavoro, ed essere seguita con tanto affetto dal pubblico, soprattutto dai più giovani, mi fa un piacere enorme. Il 2018 è stato un anno positivo, fortunato. Per il 2019 speriamo bene, bisogna essere ottimisti, sono una persona positiva, spero che il nostro destino sia positivo, che il governo gestisca al meglio i nostri destini.

  • shares
  • Mail