Grande Fratello Vip 3, Jane Alexander: "Con Elia, non mi è partito l'ormone. Ringrazio Gianmarco perché non ha parlato male di me"

L'attrice e conduttrice di origini britanniche è stata intervistata dal settimanale Chi.

Jane Alexander è stata una dei concorrenti della terza edizione del Grande Fratello Vip, il reality show in onda sulla reti Mediaset, ormai alle battute finali.

Il reality show ha causato, nella vita dell'attrice e conduttrice di origini britanniche, due eventi non da poco, entrambi riguardanti la sfera sentimentale: la fine definitiva della sua storia d'amore con il musicista Gianmarco Amicarelli e l'inizio di una relazione con il modello Elia Fongaro, l'ex velino di Striscia la Notizia conosciuto all'interno della Casa di Cinecittà.

Intervistata dal settimanale Chi, Jane Alexander ha voluto ribadire alcuni concetti che parte del pubblico potrebbe non avere ancora ben chiari. Dobbiamo ricordare, infatti, che l'attrice 46enne ha ricevuto non poche critiche riguardanti il suo comportamento anche perché, all'interno della Casa, la Alexander aveva ricevuto perfino una proposta di matrimonio dal suo ex compagno.

Con queste prime dichiarazioni, Jane Alexandeer ha voluto innanzitutto ringraziare Elia Fongaro per averle date il tempo di chiarire la sua situazione:

Penso che Elia sia stato rispettoso, che mi abbia voluto dare prima il tempo di capire cosa volessi. Si sta comportando da gentiluomo. Prima dovevo chiarire con Gianmarco.

Tra Jane e il suo ex compagno Gianmarco, la situazione non era tra le più semplici, già prima di entrare nella Casa. Questo è il sunto delle successive dichiarazioni della Alexander che ha messo in chiaro anche che, con Fongaro, non le è semplicemente "partito l'ormone":

Con Gianmarco, c'erano dei problemi. Vorrei che fosse chiaro che questa cosa non è successa perché è arrivato Elia, non è che mi è partito l'ormone per il ragazzo più giovane ed ho lasciato l'uomo che mi voleva sposare. I problemi con il mio fidanzato c’erano già e sono esplosi nella Casa. Lo ringrazio per non aver parlato male di me, per non avermi attaccata, parlando solo dei propri sentimenti. Anche io nella Casa ho cercato di rispettarlo, probabilmente non l'ho fatto abbastanza se provo dolore per il modo corretto in cui si sta comportando.

Da Elia, Jane Alexander ha trovato quel senso di protezione di cui aveva bisogno in quel momento:

Ho passato tanto tempo con lui che era diverso e speciale e mi ha dato un senso di protezione che in quel momento era necessario.

  • shares
  • Mail