Enrico Papi: "Sono sempre stato vittima del pregiudizio"

Il conduttore domenica sera sarà al timone di La notte dei record su Tv8

Intervistato dal settimanale Spy in occasione della promozione per La notte dei record, il programma che condurrà su Tv8 a partire da domenica prossima, Enrico Papi è tornato a parlare di quando fu definito un "cretino" dalla moglie dell'allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi per aver scherzato con la funzionaria del Consolato generale d'Italia a Buenos Aires durante il Festival di Sanremo 2001:

Ero stato chiamato al DopoFestival per essere dissacrante. Quello era il mio obiettivo. Ma io, purtroppo, sono sempre stato vittima del pregiudizio: se quella battuta l'avesse fatta un comico considerato intelligente come Crozza avrebbero riso tutti; l'ho fatta io ed è passata come un'offesa.

Dopo aver scherzato sul fatto di detenere lo speciale record personale di "essere sposato da vent'anni" con Raffaella Schifino, il conduttore, diventato popolare grazie a Papi Quotidiani che si occupava di gossip, ha detto:

Rimango un pettegolo, anche se non faccio più il pettegolezzo: io su tutto di tutti (ride, Ndr). Secondo me il gossip è una linfa vitale, mi diverto ancora praticarlo con gli amici. Il gossip televisivo, però, è cambiato tanto. Oggi non c'è quasi più niente di vero: è tutto precotto per essere venduto.

Il padrone di casa di Guess my age (in onda tutti i giorni su Tv8) ha infine ribadito le sue critiche nei confronti dei talk show che affollano la tv proprio in quella fascia di palinsesto:

Non è possibile che gli italiani, dopo aver sentito parlare per tutto il giorno di spread e di problemi economici, abbiano ancora voglia di vedere gli stessi volti che parlano sempre delle stesse cose. Forse c'è qualcosa che non va. La Gruber e la Palombelli sono bravissime a fare quei prodotti, io mi meraviglio degli italiani: come è possibile? Sono preoccupato. I talk televisivi, poi, stanno rovinando il panorama perché costano poco e accontentano gli editori. Ma il pubblico italiano non si merita una televisione così al ribasso.

  • shares
  • Mail