Riccardo Scamarcio: "La fine della storia con Valeria Golino? Non sono ancora guarito..."

L'attore pugliese è stato intervistato da Vanity Fair.

Dopo il successo del film Loro, la pellicola diretta da Paolo Sorrentino dedicata a Silvio Berlusconi, ritroveremo Riccardo Scamarcio al cinema nel film Euforia, diretto da Valeria Golino, nel quale interpreterà la parte di Matteo, un uomo d'affari omosessuale, promiscuo e con problemi di droga che si farà carico della malattia di suo fratello Ettore, interpretato da Valerio Mastandrea.

Come sappiamo, la regista del film, l'attrice Valeria Golino, è stata la compagna di Riccardo Scamarcio per circa dieci anni. I due attori si conobbero nel 2005 sul set del film Texas.

L'attore 39enne ne ha parlato in un'intervista concessa al settimanale Vanity Fair al quale ha svelato com'è nata questa nuova collaborazione professionale tra loro:

Quando Valeria ha scritto il film, era un momento complicato. Poi però mi ha dato il copione da vedere, per un parere, e da attore, animale, ho sentito un odore di personaggio pazzesco. Lei faceva dei provini ma questo protagonista non lo trovava. E a un certo punto mi ha chiesto: "Ma insomma, tu lo faresti?". L’idea mi faceva paura ma ci siamo divertiti un sacco.

Riccardo Scamarcio, ovviamente, ha anche parlato della fine della loro lunga storia d'amore che l'attore ha definito "una sconfitta". Da queste parole, si può evincere che, per l'attore, la loro rottura non sia ancora un capitolo del tutto chiuso:

E' una sconfitta. E' una cosa estremamente dolorosa dalla quale non sono ancora guarito. Le persone smettono di vedersi ma la storia continua anche senza di loro. Potremmo mandarci affanc*lo anche domani. Abbiamo fatto il film insieme, ok. Ma chissà cosa succederà. Lei è più intelligente di me, anche più sensibile. Io sono una testa di caz*o.

  • shares
  • Mail