Miriana Trevisan rinviata a giudizio con l'accusa di diffamazione

La prima udienza del processo si terrà il 12 marzo.

Giornataccia per la 45enne Miriana Trevisan, ex volto di Non è la Rai rinviata a giudizio per diffamazione ai danni del produttore Massimiliano Caroletti. A deciderlo il gip di Roma.

La vicenda nasce nel pieno dello scandalo Weinstein, con la Trevisan che rivelò dalle pagine di un settimanale di aver respinto le avances del produttore esecutivo del film «Bastardi», diretto da Federico Del Zoppo e Andres Alce.

Secondo quanto rivelato dalla Trevisan, a causa dei suoi rifiuti il suo ruolo all'interno del film venne ridimensionato in fase di montaggio. Caroletti, ovvero il produttore in questione, presentò immediatamente una denuncia in Procura, con il gip che ha ora accolto le richieste del pm Roberto Felici. Il prossimo 12 marzo Miriana andrà a processo.

Fonte: IlMessaggero

  • shares
  • Mail