Serena Grandi, l’attrice bolognese che il pubblico televisivo, l’anno scorso, ha visto anche all’interno della casa del Grande Fratello Vip, ha rilasciato un’intervista dai toni drammatici al sito TgCom24.

L’attrice 60enne, infatti, ha dichiarato di subire atti persecutori dal suo ex compagno e di aver perso, per questo motivo ovviamente, la tranquillità.

Serena Grandi ha proceduto, di conseguenza, con una denuncia ai Carabinieri che ha portato ad un ordine di restrizione. L’attrice si è mostrata molto provata dalla vicenda. Le prime dichiarazioni:

Ho cercato di tenerlo a freno, ma non ci sono riuscita. Ho dovuto ricorrere a un legale, con tanto di denuncia dai carabinieri. Non parlo di violenza fisica, ma telefonate giorno e notte e messaggi e infinite mail. Ho tenuto tutto, le forze dell’ordine mi hanno detto che avevano bisogno di prove. Ora c’è un ordine di restrizione.

I motivi per i quali l’ex compagno di Serena Grandi avrebbe cominciato a tempestarla di telefonate e messaggi sono molto semplici: l’uomo, stando sempre alle dichiarazioni dell’attrice, non accetterebbe la fine della loro relazione. Con quest’intervista, inoltre, la Grandi spera di aiutare altre donne che si trovano nella sua stessa situazione:

La verità è che non accetta la fine di questa storia e sono tanti gli uomini che non se ne fanno una ragione, ma perché? La mia è una battaglia anche per tutte le donne che stanno vivendo il mio stesso dramma, so cosa significa vivere nell’incubo.

Finora non si sono consumati episodi di violenza ma Serena Grandi, nonostante ciò, non ha nascosto la propria paura:

Sono disperata e questo non fa bene al mio lavoro, non mi sento tranquilla. Lui non è un uomo violento, ma ho paura che possa scattare qualcosa di brutto. Non riesco neanche ad uscire sola, sono sicura di incontrarlo sotto casa. Ho dovuto cambiare numero di telefono. Mio figlio andrà a lavorare a Milano e sarò sola, come farò? La situazione sta diventando pericolosa.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto