È passato un anno dallo scandalo che ha travolto e distrutto il matrimonio di Ashton Kutcher e Demi Moore. Ricordate? Lui venne beccato in un hotel di Las Vegas mentre se la spassava con una biondina. All’epoca scrivemmo che il tempismo di Ashton non poteva essere peggiore: il tradimento avvenne nei giorni del sesto anniversario di matrimonio con Demi.

Nei mesi successivi l’ex signora Kutcher perse molto peso e finì addirittura in ospedale. Un vero e proprio tracollo psicofisico. Quel volpone di Ashton invece si riprese in fretta e negli ultimi tempi lo vediamo sempre più spesso con Mila Kunis, una sua vecchia conoscenza.

Questa la premessa. Adesso arriviamo al dunque: per quale motivo Ashton e Demi non hanno ancora avviato le pratiche del divorzio? Fra di loro non sembra esserci possibilità di riconciliazione. Per non parlare del fatto che fra lui e Mila Kunis le cose procedono alla grande. E infatti qualcuno sente odor di matrimonio. Prima però bisogna ottenere il divorzio dalla moglie precedente. A meno che…[via alla musica drammatica]

A meno che Ashton Kutcher e Demi Moore non sia mai stati effettivamente sposati. Roba da matti, ma ci siamo abituati: dopo tutto è Hollywood. Alcuni blogger hanno avanzato l’ipotesi che le nozze che hanno sancito la loro unione fosse una cerimonia puramente simbolica e non avesse alcun valore legale. Per chi se lo fosse scordato, Demi Moore è un’adepta della Kabbalah, la religione che trae ispirazione dal misticismo ebraico.

Non sappiamo il motivo dietro questa scelta, forse Demi e Ashton hanno preferito evitare di firmare un contratto pre-matrimoniale, evitando così di tirare in mezzo avvocati e giudici. Col senno di poi possiamo affermare che si è trattata della scelta migliore.

Una volta giunta al termine la loro storia, i due non hanno dovuto spartirsi soldi e case: ognuno per la sua strada e chi si è visto, s’è visto. Ora tocca ad Ashton farsi avanti e impalmare la sua bella Mila. Stavolta sul serio, niente scherzi.

Via | Radar
Fonte foto: Tmnews

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto