Serena Grandi contro gli omofobi: "Divento una bestia"

Sul Corriere Romagna l'attrice parla dell'omossessualità di suo figlio Edoardo e della rabbia nell'assistere a comportamenti omofobi

serena-grandi-figli-2017.jpg

Durante la sua partecipazione al Grande Fratello Vip Serena Grandi annunciò l'omossessualtà del figlio Edoardo, avuto con Beppe Ercole. Adesso in un'intervista al Corriere Romagna si scaglia contro gli omofobi. A sollevare la rabbia dell'attrice uno striscione che Forza Nuova ha affisso alla Fontana dei Quattro Cavalli a Rimini dove si legge "Omossessualità oggi, pedofilia domani". La Grandi non si è trattenuta e sulle pagine del Corriere ha affermato:

Queste cose mi fanno venire il vomito, mi fanno vergognare della popolazione umana. E’ risaputo che i romagnoli sono privi di cultura. Dall’ignoranza a diventare omofobici il passo è brevissimo.

Rimini...... questa sera sul palco del Gay Pride

Un post condiviso da Serena Grandi (@serena.grandi) in data:

Durante l'intervista inoltre Serena ha parlato del suo rapporto con Edorado e delle prime difficoltà affrontate quando il ragazzo le ha detto di essere gay:

Edoardo mi ha resa felice, ha riempito di gioia la mia vita che è sempre stata circondata dagli omosessuali, soprattutto i costumisti. Non ho avuto amici che non fossero gay. Ammetto che ritrovarmene uno in casa è stato inizialmente uno shock ma di questo sono tanto felice, ha una marcia in più.

Lo stesso Edoardo prende parola sulle pagine del quotidiano:

Sono riservato ma non ho mai avuto dubbi sul mio orientamento sessuale né, come capita a tanti, ho avuto problemi di auto pregiudizio. Gli omofobi sono totalmente privi di cultura. Non possiamo avere la pretesa che tutte le persone siano intelligenti.

Fortunatamente, racconta Serena Grandi, non ha mai sentito offese dirette nei confronti di suo figlio, anche perché se dovesse accadere sicuramente non starebbe ferma ad ascoltare gi insulti.

Nei confronti degli omofobi divento una bestia, me li mangio. Chi mi conosce sa come la penso. Conta l’amore. Punto e basta.
  • shares
  • Mail