Niccolò Bettarini sull'aggressione: "Non ho capito più nulla"

Le prime parole di Niccolò Bettarini dopo l'aggressione fuori da una discoteca a Milano

simona-ventura-niccolo-bettarini.jpg

Niccolò Bettarini, ricoverato all'ospedale Niguarda di Milano dopo l'aggressione di domenica all'esterno dell'Old Fashion, noto locale della movida milanese, sta recuperando le proprie energie per ritornare alla vita di tutti i giorni e dimenticare, presto, questo brutto episodio. Il magazine Tgcom24, nelle scorse ore, ha riportato le prime dichiarazioni del figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini a poche ore dall'operazione ad un nervo per le conseguenze delle 11 coltellate inflitte fuori dalla discoteca:

Mi ha dato alcuni buffetti sulla faccia cercando di provocarmi, io ho provato a respingerlo, ma mi sono trovato immediatamente in mezzo a più di dieci persone e non ho capito più nulla.

I quattro giovani, attualmente fermati, con l'accusa di tentato omicidio, saranno interrogati dal gip per la convalida del fermo. Si cercano i sei complici che avrebbero partecipato attivamente al pestaggio. Presente anche l'amica Zoe Esposito che avrebbe ascoltato frasi come "Sei il figlio di Bettarini, ora ti ammazziamo". Il giovane rampollo dell'ex calciatore e dell'amatissima conduttrice tv ha ricostruito dettagliatamente le dinamiche dello scontro:

Sono caduto a terra e quando Zoe è venuta a soccorrermi le è arrivato un calcio in faccia. Subito dopo sono scappati tutti.

Non è stata rinvenuta ancora l'arma da taglio utilizzata dagli aggressori.

  • shares
  • Mail