Alessandro Cecchi Paone: "Al governo, ci sono 3 ministri gay. Salvini? E' meglio Di Maio"

Il giornalista e conduttore è stato intervistato ad Un giorno da pecora.

alessandro-cecchi-paone.jpg

Un Alessandro Cecchi Paone scatenato è stato intervistato oggi, durante la puntata del programma radiofonico di Rai Radio 1, Un giorno da pecora.

Il giornalista e conduttore televisivo che, come sappiamo, ha fatto coming out una vita fa, ha parlato di un argomento sempre attuale ossia la presenza di omosessuali nella scena politica italiana.

Per quanto riguarda l'attuale governo Lega-Movimento 5 Stelle, che dal punto di vista dei diritti civili non è partito proprio con il piede giusto, Alessandro Cecchi Paone ha lanciato la bomba, dichiarando che ci sono ben 3 ministri gay al momento in carica:

In politica è pieno di gay. Ora non sono nascosti ma in questo governo ce ne sono. Direi che ce ne sono tre, tra i ministri. Perché non fanno coming out? Se fossero leghisti, perché la loro posizione culturale o ideale non gli porterebbe voti. Ma se fossero grillini dovrebbero dirlo... Una lobby non credo ci sia, sennò dovrebbero fare ulteriori leggi a favore dei diritti.

I ministri in questione sarebbero tutti uomini, due apparterebbero ai 5 Stelle e il terzo alla Lega.

Cecchi Paone, quindi, parlando sempre di politici, ha proceduto con una serie di opinioni prettamente estetiche. Tra Salvini e Di Maio, Cecchi Paone ha scelto... Macron! Le dichiarazioni:

I leghisti di solito sono brutti, tutti con la barba incolta, un po' sudaticci. Salvini? Per carità, è brutto, stiamo scherzando? Macron, ad esempio, è bellissimo, con Salvini non c'è paragone. Di Maio? E' caruccio, meglio di Salvini.

Dalla politica, Cecchi Paone è passato al calcio, non nascondendo la propria idolatria nei riguardi di Cristiano Ronaldo:

Si, sono pazzo di Cristiano Ronaldo, farei follie per lui, è il mio uomo ideale, lo apprezzo da tutti i punti di vista. Ho avuto un fidanzato portoghese, surfista, che era praticamente identico. Poi è tornato in Portogallo... Ronaldo gay? Non ne ho idea.

Il conduttore di tanti programmi divulgativi, infine, ha raccontato anche un aneddoto riguardante il S. Vito Positano, la squadra di calcio della quale è proprietario:

Quando li ho portati dopo il primo anno dalla promozione all'eccellenza, sono stati i giocatori a buttarmi nella doccia. Non volevo più uscire!

  • shares
  • Mail