Domenico Diele, l'attore condannato a 7 anni e 8 mesi

Una vita spericolata, suo ultimo film 'promonitore'.

ROME, ITALY - OCTOBER 23:  Domenico Diele attends the 'La Foresta Di Ghiaccio' Photocall during the 9th Rome Film Festival on October 23, 2014 in Rome, Italy.  (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

32 anni appena, il romano Domenico Diele è stato condannato a 7 anni e 8 mesi per aver investito e ucciso Ilaria Dilillo, 48enne salernitana, il 24 giugno del 2017. L'attore di 1993 era alla guida della propria auto sotto l'effetto di stupefacenti, sulla Salerno-Reggio Calabria, quando investì la donna, che era a bordo del proprio scooter.

La decisione è arrivata dal giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Salerno, Piero Indinnimeo, al termine del rito abbreviato. Il pm aveva chiesto otto anni di reclusione per omicidio stradale aggravato. All'epoca dei fatti Diele stava girando Una vita spericolata di Marco Ponti, tra pochi giorni nelle sale d'Italia.

L'attore, che risultò positivo ad oppiacei e cannabinoidi, aveva persino la patente sospesa. Arrestato, Diele rimase in carcere per 12 giorni, prima di finire agli arresti domiciliari.

Esordiente al cinema nel 2009 con Questo piccolo grande amore, Diele si è fatto vedere in sala con film come ACAB - All Cops Are Bastards, Mia madre, l'Attesa, Io e Lei e La felicità è un sistema complesso, mentre in tv è apparso in serie come Don Matteo, C'era una volta Studio Uno, Di Padre in Figlia, 1993 e 1993.

Fonte: Repubblica

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail