Fabrizio Frizzi, Alfonso Signorini a Matrix: "Lui sapeva che non aveva scampo"

Il direttore di Chi è stato intervistato a Matrix.

alfonso-signorini.jpg

Il dolore per la scomparsa di Fabrizio Frizzi è ancora vivo.

Il conduttore de L'Eredità, quiz show in onda su Rai 1, durante il periodo nel quale ha tentato di lottare contro la malattia, ha sempre mantenuto il massimo riserbo riguardo i dettagli del suo stato di salute, promettendo che ne avrebbe parlato soltanto a guarigione avvenuta.

Il tristissimo epilogo, purtroppo, è superfluo ricordarlo.

Rai e Mediaset, unilateralmente, hanno deciso di ricordare Fabrizio Frizzi, interrompendo anche la messa in onda di vari programmi televisivi.

Altre trasmissioni, invece, gli hanno reso omaggio e, in questi casi, parlare della sua malattia si è rivelato inevitabile.

Alfonso Signorini, direttore di Chi, ospite di una puntata di Matrix, il programma condotto da Nicola Porro, in onda su Canale 5, ha voluto parlare del "miracolo" messo in atto da Fabrizio Frizzi: continuare a fare il proprio lavoro e, al contempo, sostenere una difficilissima battaglia per restare in vita.

Frizzi, dopo l'ischemia dell'ottobre scorso, aveva tumori al cervello inoperabili e molto diffusi:

Lui sapeva che non aveva scampo. E questo è molto importante da sottolineare, perché quando ha avuto quella ischemia che l’ha portato al ricovero immediato all'ospedale, ad ottobre, dagli esami di questa ischemia è risultato che aveva dei tumori diffusissimi che erano inoperabili. E questa cosa è stata messa al corrente non soltanto della famiglia ma anche di lui. E Fabrizio a quel punto era a un bivio: o rimanere a casa e aspettare il momento oppure andare in televisione a fare il suo lavoro e a portare ancora una volta il sorriso a casa della gente. E’ questo il vero miracolo che ha fatto Fabrizio Frizzi.

Una lezione di vita, non c'è altro da aggiungere.

  • shares
  • Mail