Vinicio Marchioni: "Grazie a mia moglie Milena sono diventato un uomo"

L'attore parla a Grazia del rapporto con la moglie Milena Mancini

marchioni.png

Sono passati anni da quando interpretava il ruolo del "Freddo" di Romanzo Criminale. Vinicio Marchioni, 43 anni, sta per tornare al cinema nei panni di uno chef con il film "Quanto basta". Ma il suo vero successo, come ha raccontato al settimanale Grazia, è la sua famiglia: la moglie Milena Mancini, attrice che ha sposato sette anni fa, e i figli Marco e Marcello, 6 e 5 anni. E proprio a Grazia ha raccontato come ha conosciuto Milena...

Se nel lavoro, ammette, l'incontro più determinante è stato quello con il regista teatrale Luca Ronconi, nella vita privata è stato senz'altro quello con Milena, conosciuta ai provini di Romanzo Criminale:

Ci siamo conosciuti nel 2009, ai provini per la seconda stagione di Romanzo Criminale. Lei non ha ottenuto la parte, ma ha trovato me. Non ci siamo più lasciati. Di lei mi ha conquistato la naturalezza con cui, in una giornata molto fredda e quasi senza conoscermi, mi ha prestato la sua sciarpa. Non era un gesto di seduzione, ma un atto di generosità disinteressata. Poi, la prima volta che sono entrato nel suo appartamento, lo stesso dove oggi abitiamo con i bambini, ho avvertito l’odore della mia infanzia, quello della casa dei nonni, della campagna dove sono cresciuto. Ho capito che era la donna giusta per me

Grazie a Milena, Vinicio ha avuto quindi l'impellenza di costruire un progetto di vita, di fare dei figli e di affrontare la realtà da una prospettiva diversa. E il ruolo di padre l'ha aiutato molto anche nel lavoro:

I bambini mi hanno insegnato che posso permettermi di sbagliare: in un film non mi gioco la vita. Prima ero molto più pesante

E se lui è una persona che analizza il problema e si arrovella il cervello, Milena ha già pronta la soluzione. Vinicio lo ammette, non è mai stato attratto dalle donne fatali, che devono sedurre a tutti i costi. Che sia questo il segreto del loro amore?

  • shares
  • Mail