J-Ax e la rinascita dopo il periodo di crisi tra droghe e stupefacenti

J-Ax ricorda il periodo no in cui gli Articolo 31 si sciolsero.

dy5z8kxxkaendqs.jpg

Da ieri di nuovo sulla poltrona rotante di The Voice of Italy, talent show tornato su Rai 2 dopo due anni d'assenza, J-Ax è tornato dalle pagine di IoDonna sulle proprie dipendenze del passato, tra droghe e sostanze stupefacenti. Cocaina in testa. Il momento più complicato nel 2006, quando i 'suoi' Articolo 31 si sciolsero, lasciandolo in un limbo artistico.

«È stato dopo la separazione degli Articolo 31, quando nessuno voleva darmi una chance. Per fortuna è arrivato il web e lì, in un periodo in cui le radio non mi passavano, sono riuscito a sfruttare le nuove tecnologie per far circolare lo stesso la mia musica».

Un periodo 'no' a cui J-Ax ha saputo replicare, rialzandosi in fretta e furia, "perché poi sono stato riscoperto, ho pareggiato. Ho anche riconosciuto alcune mie colpe e, del resto, sono uno a cui piace dare fiducia agli altri. A volte sbaglio, ma è questa la persona che mi piace essere".

Padre da tempo, nonché marito di Elaina Coker dal 2007, J-Ax ha poi dispensato possibili consigli al neo-papà Fedez.

«So quanto diventare padre possa farti cambiare la prospettiva sul mondo. Fare il papà significa stare sospesi tra terrore ed euforia, io personalmente ho provato spesso paura con mio figlio (Nikolas; ndr): ricordo il primo starnuto, la prima febbre, la prima volta che gli è andato di traverso qualcosa. Quelli sono momenti in cui a un genitore cadono i capelli. Io non li ho, i capelli, ma insomma, mi si staccano i tatuaggi!».

  • shares
  • Mail