Maria Grazia Cucinotta: "Avances? Ho detto parecchi no"

Maria Grazia Cucinotta non ha mai avuto avance da Harvey Weinstein

maria_grazia_cucinotta_molestie_vip_weinstein_2018.jpg

Maria Grazia Cucinotta, intervista dal quotidiano Libero, ha rivelato che non ha mai ricevuto proposte indecenti dal produttore Harvey Weinstein che, diversi anni fa, ha distribuito Il postino, il capolavoro del compianto Massimo Troisi:

Con me si è comportato in modo impeccabile,non posso esprimermi su quello che non conosco. Da donna, che lavora in questo ambiente da quando aveva 18 anni, dico che ci sarà sempre un uomo che ci prova o che fa delle avance. Io ho detto parecchi no. Tuttavia non mi sento forte né un’eroina, per essermi negata.

La nota attrice non ha mai caduta in tentazione pur di sfondare nel mondo del cinema, consapevole, forse, di riuscire a farcela unicamente con i propri mezzi:

C’è chi mi dava della retrograda perché, rifiutando le avance, non approfittavo delle scorciatoie. Ma a me non è mai fregato nulla! Non sono mai stata una che voleva arrivare a tutti i costi. E poi, se devo penare a stare con un uomo che manco mi piace, allora sposo un miliardario e faccio la signora! (ride, ndr) C’è una cosa che mi turba davvero: in Italia esistono stuoli di ragazze obbligate a dire sì. Mi riferisco alle adolescenti che vediamo prostituirsi suimarciapiedi. Vorrei che lo Stato se ne occupasse.

La Cucinotta, in questi ultimi anni, si è messa in prima linea per combattere il cyberbullismo che sta toccando vertici davvero preoccupanti:

I social hanno trasformato il bullismo in un comportamento virale, e quindi di tendenza. Lo Stato dovrebbe intervenire: controllare maggiormente i social,oscurare lepagine offensive e concedere il diritto d’oblio alle vittime di bullismo.
  • shares
  • Mail