Jennifer Lopez racconta la sua esperienza #MeToo: 'Un regista mi chiese di mostrargli le tette'

Jennifer Lopez e i ricordi dal set.

jennifer-lopez-flaunts-her-booty-in-sultry-red-leggings-for-valentine-s-day.jpg

Finita sulla copertina di Harper's Bazaar, Jennifer Lopez ha raccontato la propria esperienza legata alle 'molestie' subite su un set cinematografico. Il movimento #MeToo, nato dopo l'esplosione dello scandalo Weinstein, ha scoperchiato un vaso di Pandora, con la popstar/attrice ultima arrivata.

J Lo, che in poco più di 30 anni ha girato una trentina di pellicole, ha puntato il dito contro un regista in particolare.

"Io non sono stata vittima di abusi nello stesso modo in cui lo sono state altre donne. Se un regista mi ha mai chiesto di togliermi la maglietta e mostrargli le mie tette? Sì, me lo ha chiesto. Ma l'ho fatto? No, non l'ho fatto". "Ero terrorizzata. Il mio cuore andava a mille. Pensavo: 'Cosa ho fatto? Quest'uomo mi sta ingaggiando'. Era uno dei miei primi film, ma dentro sentivo che quello non era il comportamento giusto".

Impossibile capire il nome del regista in questione, per una Lopez che tornerà presto in sala con la commedia romantica Second Act.


Fonte: DigitalSpy

  • shares
  • Mail