Molestie, parla Lorella Cuccarini: "Non mi piace il processo mediatico" e si schiera con Fausto Brizzi

"Le denunce andrebbero fatte nelle sedi opportune, non nei programmi televisivi. Fausto Brizzi per me è innocente fino a prova contraria"

lorella cuccarini

Ospite della trasmissione di Rai 3 condotta da Bianca Berlinguer Cartabianca, Lorella Cuccarini si espone a proposito del tema 'molestie' e delle ultime denunce che hanno inondato le pagine dei giornali e riempito i salotti dei talk. La sua opinione è molto chiara e parte da un presupposto: "Intanto, per quello che è successo in Italia, non mi piacciono i processi sommari fatti nei programmi televisivi".

Sul caso Fausto Brizzi, la showgirl prende subito l'occasione per schierarsi dalla parte del regista, soprattutto dopo gli ultimi avvenimenti, affermando:

Leggevo poco prima di entrare un tweet di Selvaggia (Lucarelli, ndr), in cui dice hanno tolto il nome di Fausto Brizzi dalla locandina del cinepanettone, la trovo veramente una cosa assurda. Per me è innocente fino a prova contraria, in qualsiasi caso non vai a togliere il nome di un regista di un film in cui, la figura femminile, non mi sembra che sia stata sempre portata al massimo dello splendore.

Qualche parola è stata spesa, inevitabilmente, sulla pioggia di accuse denunciate in tv:

L'abbiamo visto in un programma televisivo - probabilmente riferendosi a Le Iene - e con delle persone che poi, comunque, non si sono fatte vedere. Non si scherza su queste cose, trovo che sia un brutto momento - ribadisce - le denunce vanno fatte nelle sedi opportune e non nei programmi televisivi.

Si passa ad eventuali episodi di molestie capitati alla stessa Lorella che però racconta:

Ci sono state sicuramente delle situazioni in cui ho intuito che ci sarebbe stata un avances, poi noi sappiamo come mettere a tacere queste avance, poi probabilmente ho avuto meno occasioni di lavoro, non mi interessa, non ho mai pensato di dover fare un film ad Hollywood, o di avere un lavoro passando attraverso i letti di qualcuno. Penso che ci sia abuso di potere, questo però è appannaggio degli uomini, come delle donne. Ma noi donne non possiamo passare sempre per le piccole fiammiferaie, sappiamo quando c'è l'insidia dietro l'angolo, sappiamo dire 'no' in modo elegante, come anche in modo non elegante quando la proposta arriva da una persona che è un porco.

La showgirl conclude con una breve riflessione sul dare il giusto peso alle parole, aggiungendo che le avances ci possono stare, ma che bisognerebbe stare attenti nell'oltrepassare il confine tra avances e stupro della quale, a detta della Cuccarini, si parla con troppa facilità, nonostante sia un argomento molto serio.

  • shares
  • Mail