Fabrizio Corona, spunta una nuova indagine per riciclaggio

Novità dal tribunale per Fabrizio Corona. Spunta una nuova indagine.

fabrizio_corona.jpg

Ancora possibili guai all'orizzonte per Fabrizio Corona. L'ex re dei paparazzi, che lunedì scorso ha trovato tempo e modo per scrivere una lettera a Jeremias Rodriguez, concorrente del Grande Fratello Vip, è stato questa volta solo lambito da un'indagine, firmata procura di Locri, per l'acquisto di un appartamento da 2 milioni e mezzo di euro situato a Milano in zona Corso Como. Un acquisto vecchio di 10 anni.

Secondo quanto pubblicato dal quotidiano LaStampa, parte della somma sborsata per comprare l'appartamento sarebbe stata distratta dalla fallita società di Fabrizio, la Corona's, con due suoi stretti collaboratori, Tommaso Delfino e Marco Bonato, ora indagati per riciclaggio.

«Io penso che sia scandaloso, è una cosa che non sta né in cielo, né in terra», la reazione dell'ex marito di Belen in aula, con l'udienza aggiornata a giovedì. Già nel provvedimento di sequestro dell’appartamento, continua La Stampa, veniva spiegato che il denaro usato per comprare l’appartamento sarebbe frutto di «un’appropriazione indebita ai danni della Fenice srl», la società in cui sarebbero confluiti i soldi della fallita Corona’s e dal cui conto corrente, nel 2008, sarebbe uscito «1 milione e centomila euro, suddiviso in 22 assegni circolari».

L’avvocato Tommaso Delfino ha parlato di una 'tempestività imbarazzante', sottolineando di aver scoperto solo ieri «e dopo 10 anni» questa nuova indagine.

  • shares
  • Mail