Proprio oggi Fausto Brizzi compie 49 anni, ma difficilmente il regista romano avrà qualcosa da festeggiare. Travolto dallo scandalo molestie, Brizzi è stato scaricato dalla Warner, che l’ha di fatto cancellato dal suo Poveri ma Ricchissimi, in sala esattamente tra un anno. In sua difesa, anche nelle ultime ore, si è schierato Christian De Sica, attore con cui ha più volte lavorato.

«Non credo a una sola parola di quello che ho letto e che ho visto. Ho grande stima e grande affetto per Fausto Brizzi, lo conosco da anni come persona corretta e gentile».

Poche ma decise parole per il giudice di Tale e Quale Show, mentre l’ultima puntata de Le Iene, andata in onda ieri sera, ha dato voce a diverse attrici italiane, interrogate proprio su Brizzi e su questo scandalo che sta terremotando il cinema nostrano.

«Credo che la televisione e i giornali non siano i luoghi preposti per certe cose. Il circo mediatico non deve giudicare una persona se non è certa che sia realmente colpevole. Sono imbarazzata, si tratta di accuse molto brutte. Con me Brizzzi è stato sempre gentile, e si è sempre comportato da vero gentiluomo».

Parole di Cristiana Capotondi, apparsa nervosa al telefono, mentre molto più dura è stata Carolina Crescentini:

“Non siamo di fronte a un’attrazione, uno che ci prova, siamo di fronte a una persona malata. E’ inaccettabile, sono allibita, non posso credere sia vero. Ho visto tante cose nella mia vita, ma mai cose del genere. Però dico una cosa: non si fanno i provini a casa del regista». “Non siamo di fronte a un’attrazione, uno che ci prova, siamo di fronte a una persona malata”

Tra le più battagliere Isabella Ferrari, che ha sottolineato il momento storico vissuto dalle donne di cinema.

«È un momento rivoluzionario. Il coraggio di queste ragazze può salvare le giovani generazioni. State facendo qualcosa di storico. Finalmente finiranno certi comportamenti».

Anna Falchi ha invece provato a guardare nel futuro di Brizzi, tutt’altro che roseo.

“Se dovesse essere davvero lui, io penso che la sua carriera termina qua”. “Ne avevo sentito parlare, già in tempi non sospetti”.

Paola Barale si è detta felice, per quanto avvenuto dal caso Weinstein in poi.

«Weinstein? Sono felice che sia fallito. L’avrei messo nudo sul red carpet a testa in giù con le ghiande intorno e i maiali. Bisogna denunciare chi ha atteggiamenti da padrone».

Alba Parietti, infine, ha per la prima volta confessato di essere stata molestata all’età di 17 anni da un potente produttore.

«Ti viene una forma di panico e di paura che ti paralizza. Mi sentivo con una pistola puntata alla tempia, ero nelle condizioni di piangere per la paura».

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Gossip Italiano Leggi tutto