Mariah Carey accusata di molestie sessuali da un ex dipendente

Mariah Carey trascinata in tribunale da un ex guardia del corpo.

attends the Mariah Carey Hand and Footprint Ceremony at TCL Chinese Theatre on November 1, 2017 in Hollywood, California.

Il ciclone molestie che sta terremotando lo show business ha coinvolto nelle ultime ore persino Mariah Carey. Michael Anello, sua ex guardia del corpo, ha denunciato la popstar per molestie sessuali. L'uomo ha chiesto un risarcimento per danni morali superiore ai 600.000 dollari.

Secondo quanto riportato dal sito TMZ, che ha messo mano agli atti giudiziari, Mariah avrebbe messo in scena «atti sessuali con l’intento di essere notata da Anello». Dipendente della popstar dal giugno 2015 al maggio 2017, l'uomo sarebbe stato continuamente umiliato e provocato dalla Carey, che a lungo l'avrebbe chiamato 'nazista, membro del KKK, suprematista bianco, skinhead'.

Durante un viaggio a Cabo San Lucas, Mariah gli avrebbe chiesto di prendere dei bagagli in camera, per poi farsi trovare mezza nuda. Imbarazzato, Anello avrebbe provato ad andar via, ma non prima di aver disfatto i bagagli. Tra i due non ci sarebbe però stato alcun contatto. 221.329,51 dollari gli arretrati non pagati dalla Carey alla Anello & Co., con l'uomo che denuncia un mancato accordo che prevedeva il prolungamento del contratto per altri due anni, pari a 511,000 dollari di stipendio. Il 6 novembre scorso il team di Mariah avrebbe raggiunto un accordo economico con l'uomo, parola di TMZ, negando però qualsiasi abuso ai suoi danni da parte della cantante.

Fonte: AceShowBiz

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail