La vicenda dell’orco di Hollywood, Harvey Weinstein, ha fatto scoppiare una bomba morale nel mondo del cinema. Tante donne, ora, hanno trovato la forza di parlare e raccontare le loro storie di abusi sessuali: Tea Falco, giovane attrice protagonista della serie 1992, è tra queste. Lei ha parlato con Le Iene di Italia 1: “E’ capitato anche a me quando avevo circa 21 anni”, racconta, riferendosi a un regista di serie televisive di prima serata.

“Questo regista mi contatta su Facebook e mi dice: ‘Dai, sei bravissima, ma cosa fai?”. Io rispondo che faccio fotografie e voglio diventare attrice. Lui mi invita nel suo ufficio, anche se poi ho scoperto che era casa sua. Vado a questo incontro e mi dice: ‘Le tue fotografie sono bellissime. Non dovresti fare l’attrice ma la regista e la fotografa. A un certo punto dico che ho mal di pancia, che è meglio che vada. Ma lui aggiunge che è un pranoterapeuta e inizia a farmi un massaggio allo stomaco. Dalla pancia, però, inizia ad andare sempre più giù, fino alle parti intime. Dentro le mutande. La mia testa non era arrivata a pensare che lui potesse fare una cosa del genere, ero ingenua. Per circa un anno ho pensato di aver sbagliato io. Mi è passata quando ho fatto il film con Bernardo Bertolucci e ho capito che non tutti i registi sono delle merde. Sono stata forte a dire di no, ma ci sono ragazze che non si sanno difendere. Queste ragazze devono capire che la legge è a loro favore: bisogna denunciare subito”.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto