E’ di pochi giorni fa, la notizia riguardante Marco Della Noce, comico noto per aver lavorato per i programmi televisivi Zelig e Made in Sud, ridotto sul lastrico dopo la separazione con la moglie.

Il comico brianzolo, costretto a vivere nella sua automobile, ha dichiarato sostanzialmente di aver smesso di lavorare a causa del pignoramento della propria partita Iva dovuta al mancato pagamento degli alimenti ai figli avuti dall’ex moglie.

La moglie del comico, tramite il suo legale Andrea Natale, ha dichiarato che Marco Della Noce non ha detto tutta la verità riguardo questa situazione. L’avvocato, intervistato da Il Corriere della Sera, ha dichiarato che la partita Iva di Della Noce non sarebbe stata pignorata e che il comico sarebbe risultato evasore totale per molti anni:

Non c’è nessuna volontà demolitrice nei confronti dell’ex coniuge, ma semplicemente la necessità di ricevere l’aiuto dovuto. Marco Della Noce non ha detto la verità: i suoi guadagni li ha sperperati irresponsabilmente con il suo stile di vita, non certo per pagare il mantenimento dei figli. E se è sul lastrico non è per il sequestro della Partita Iva, che peraltro non è mai avvenuto, ma perché ha ricevuto grosse cartelle esattoriali dall’Agenzia delle entrate ed è stato dichiarato evasore totale per diversi anni. Fatto di cui ora deve rispondere con ingenti somme al fisco.

L’avvocato Natale, quindi, ha dichiarato che la sua assistita ha chiesto solamente gli alimenti per i figli e non per se stessa, alimenti che il comico non pagherebbe dal 2013:

La ex moglie, da parte sua, non ha mai chiesto il mantenimento per sé ed è ormai dal 2013 che Della Noce non corrisponde l’assegno per i due figli minori avuti dalla moglie. Nemmeno i libri di scuola gli ha mai pagato.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto