parliamo diAsia Argento

Il caso Harvey Weinstein, il potente produttore cinematografico statunitense accusato da molestie sessuali da oltre 40 attrici, tra le quali la nostra Asia Argento, ha scatenato un andirivieni di opinioni.

Su Twitter, si è diffuso l’hashtag #quellavoltache con il quale, donne famose e non, hanno svelato pubblicamente gli episodi di violenze sessuali o abusi psicologici dei quali sono rimaste vittime.

Rossella Brescia, utilizzando sempre l’hashtag #quellavoltache, si è schierata dalla parte delle persone che, commentando il caso Weinstein, affermano, con decisione, che, in casi del genere, sia sufficiente dire un semplice no.

Questo è il contenuto del suo post su Facebook:

Comunque le cose sono due o sono una cessa oppure c’è qualcosa che non mi torna…
Oppure sono davvero una che ha intuito. Come mai non ho mai incontrato i vari Weinstein nella mia vita? Eppure faccio questo mestiere da tanti anni. La verità è una sola, quando sento odore di marcio, sfodero il mio sorriso migliore e volto le spalle. Dico sempre a me stessa siamo talmente tanti nel mondo, non c’è mica solo Weistein. #quellavoltache… allora vediamo.
#quellavoltache mi hanno dato appuntamento in ufficio dopo le 20… col cacchio che mi sono presentata. #quellavoltache un regista che non conoscevo mi ha dato un appuntamento al ristorante di sera, solo noi due per parlare di lavoro (ma che scherzi, come no) col cacchio che mi sono presentata.
E ne avrei altri di #quellavoltache…

Asia Argento ha commento con un secco: “Brava, sei meglio tu”.

Rossella Brescia, quindi, ha pubblicato un nuovo post su Facebook con le quali ha fatto delle precisazioni:

MANNAGGIA a #quellavoltache ho scritto un post ed hanno beceramente strumentalizzato le mie parole:
1) “le cose sono due o sono una cessa o c’è qualcosa che non torna, oppure sono una che ha intuito”
Carissimi ovviamente non volevo offendere nessuno, anche un bimbo di 3 anni lo capirebbe, anche perché la frase che contava era “UNA CHE HA INTUITO“
Vedo però che è bello strumentalizzare, chiedo scusa se qualcuno si è sentito offeso.
2) intendiamoci, nella vita, puoi fare quello che vuoi ma dato che ci sono MAIALI e LAIDI ovunque, non solo ad Hollywood, se non vuoi trovarti invischiato in questo mondo disgustoso, ti difendi.
3) non parlavo di #Asia Argento (mai nominata, parlavo del caso Weinstein) ma ne approfitto per dire che mi dispiace immensamente per quello che le è successo, perché una donna non si tocca nemmeno con un fiore. Per questo motivo, sono e sarò sempre a sostegno di tante associazioni che combattono la violenza sulle donne. In verità lo faccio già ed anche attivamente, colgo l’occasione per salutare #Weworldonlus #savethechidren
E con questo vi amo tutti

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto