Gabriel Garko: "Della mia bellezza, ne parlano gli altri ma ho anche dei difetti. Non sopporto gli specchi"

L'attore è stato intervistato da Oggi.

gabriel-garko.png

Gabriel Garko, attualmente, è impegnato a teatro con lo spettacolo Odio Amleto, grazie al quale sta ottenendo un considerevole successo di pubblico e critica. L'attore torinese, recentemente, è stato anche ospite della prima puntata della nuova edizione di Matrix Chiambretti, programma in onda su Canale 5.

Garko è stato intervistato da Pierluigi Diaco per il settimanale Oggi. Parlando soprattutto della sua vita privata, l'attore 45enne ha esordito, parlando del suo cambio di nome. Gabriel Garko, infatti, oltre al suo nome d'arte, è diventato anche il suo vero nome all'anagrafe. Con le seguenti dichiarazioni, Gabriel ha ricordato anche gli anni della sua gioventù:

Dario era un nome che non mi stava più addosso. Ho trent'anni di carriera alle spalle e tutti mi conosco come Gabriel. Per facilitare le cose, ho cambiato anche la mia anagrafe. Di Dario, ricordo la mia gioventù, i miei anni di studi scolastici. Un periodo bello e spensierato. Mi ricordo le giornate passate con gli amici: i sogni, le speranze, l’assenza di problemi e pensieri negativi.

Parlando della sua bellezza, Gabriel Garko non nasconde che il suo aspetto fisico l'abbia decisamente aiutato nel suo lavoro. L'attore, però, vede in se stesso anche dei difetti:

Della mia bellezza ne parlano gli altri. Sono gli altri che la considerano la mia più convincente chiave comunicativa. Io sono soprattutto altro e ho un mondo interiore più bello e ricco della mia fisicità. Credo di avere dei difetti: non mi piacciono i miei occhi. Del resto non posso dire nulla. Sono consapevole di essere un bel ragazzo e sono ancora più conscio che, se non avessi avuto questo aspetto, non avrei mai raggiunto i traguardi professionali.

Garko, quindi, ha risposto anche all'inevitabile domanda riguardante la fidanzata Adua Del Vesco:

Con Adua c’è un rapporto di complicità. Sa come sono fatto e quanto tengo alla mia libertà. Ci vogliamo bene, ma abbiamo un registro insindacabile. Capisco che i media si interessino al nostro rapporto, ma la verità e l’intensità che ci legano le conosciamo solo noi. Il resto è gossip.

Queste ultime dichiarazioni, invece, riguardano una piccola fissazione dell'attore torinese che ha affermato di non gradire particolarmente gli specchi:

Non sopporto gli specchi. A casa mia non ce ne è nemmeno uno, se non nei bagni. Da piccolo, mi era stato detto che se passi davanti a un specchio, di notte si manifesta il diavolo.

  • shares
  • Mail