Intervenendo sullo scandalo Weinstein, che sta scuotendo il mondo del cinema internazionale, Lory Del Santo, a La Zanzara su Radio 24, ha affidato alcune confessioni molto private che riguardano il suo lavoro. L’attrice ha rifiutato un’avance molto esplicita da parte di un regista italiano molto famoso:

Un regista italiano famosissimo si presentò davanti a me con un perizoma rosso, con un filino rosso dietro. Era grasso e peloso, me ne sono andata. Chi era? Uno dei più grandi del Novecento?

La Del Santo, poi, è entrata nel dettaglio rispondendo ad una serie di interrogativi sulle presunte molestie sessuali rivolte a donne belle e famose:

Anche a me è successo con un regista italiano molto famoso, deceduto. Mi ha sconvolto la maniera in cui l’ha fatto. Mi ha fatto chiamare nel suo ufficio, io ero sconosciuta. Apre la porta, arriviamo in una stanza e si è messo a guardare le mie foto. Non c’era nessuno, nemmeno la segretaria. Poi a un certo punto è sparito, è andato in un’altra stanza. Passano alcuni minuti e mi chiama. Era nudo con addosso solo un perizoma rosso, come un tanga, con un filo rosso nella parte dietro. Era un ciccione, mi faceva ribrezzo. Pelle bianca e pelosa. Non mi ha costretto, e mi sono velocemente divincolata dal tentativo di abbraccio e sono andata via. Non ho mai preso nessuna parte, ovviamente.

Lory non apprezza la campagna denigratoria nei confronti del produttore americano denunciato, a distanza di oltre vent’anni, da moltissime star hollywoodiane per le proposte indecenti ad inizio carriera:

Legittimo fare sesso in cambio di una parte, ma deve essere sicuro. Darla sì, ma bisogna vedere cammello. Trovo osceno che tutte le attrici in blocco abbiano denunciato Weinstein. E’ uno schifo, una vergogna.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto