Il caso Weinstein sta facendo discutere da giorni e pian piano molte donne vittime di violenza stanno uscendo allo scoperto e raccontando le loro vicende, talvolta tenute segrete per anni. Anche Sandra Milo, 84 anni, ospite oggi ai microfoni del programma radiofonico di Radio Rai 1 Un Giorno da Pecora, ha detto la sua sul caso del produttore cinematografico statunitense e ha dichiarato di essere stata vittima di molestie, pur non volendo fare nomi.

La Milo ha raccontato la sua vicenda personale a Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, conduttori del programma, partendo dalle sue dichiarazioni su Weinstein:

Mi fa un po’ pena, poveretto, ora è così vilipeso da tutti. Le donne mi piacciono perché hanno coraggio, ma quelle che hanno denunciato, dopo tanti anni, non è che mi proprio mi rallegrino. Noi donne, tutte più o meno, siamo state tutte violentate almeno una volta

La Milo si riferisce a violenze psicologiche? Non sembra, parla proprio di molestie:

Penso alla violenza sessuale, quando tu vorresti dire di no e non puoi perché non hai la forza per farlo. Anche io sono stata importunata, ho reagito come ho potuto, in ogni modo: con i morsi, coi calci, in tutti i modi. Ma qualche volta non mi è andata bene. Non ho mai denunciato però, avrei dovuto farlo allora, ma non l’ho fatto per paura, per paura che la gente pensasse non fosse vero, paura di non lavorare più. Sono stata vittima di violenza, come tutte. Ma non tutte lo hanno confessato, almeno pubblicamente

Ed è decisa a non voler fare nomi, non lo ha fatto allora e non lo farà adesso. Secondo lei, la vittima oggi è Weinstein, considerato uno stupratore da mezzo mondo. E su Asia Argento, ospite ieri sera da Bianca Berlinguer a Cartabianca, si esprime così:

Lei ha fatto quello che si sentiva e ha fatto bene. Io, se me lo chiedete, non avrei fatto quello che ha fatto lei

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Gossip Italiano Leggi tutto