Tirata in ballo dalla modella Zoe Brock sul caso Weinstein, Claudia Gerini tira fuori gli artigli e si difende. “Ha fatto bene a denunciare gli abusi ma perché mettermi in mezzo con un episodio falso che peraltro non c’entra nulla con la molestia che avrebbe subito da Harvey Weinstein? Mi dispiace è una cosa gravissima e io devo fermarla, sono costretta a fare un’azione legale contro questa modella Zoe Brock per diffamazione”, ha dichiarato l’attrice italiana all’Ansa. La Brock aveva raccontato di aver ricevuto una proposta per fare sesso a tre con Gerini e Fabrizio Lombardo, il suo fidanzato di allora.

La Gerini aggiunge di non aver ricevuto “molestie da Weinstein” e conclude:

“Io non ho memoria di questa ragazza, non me la ricordo proprio, ma questo non significa che non mi sia stata presentata. Quello che è sicuro è che l’episodio in cui mi coinvolge, peraltro una vicenda di libero sesso tra adulti consenzienti, non è mai accaduto, è una assoluta mistificazione. Tra l’altro di Fabrizio Lombardo ero gelosissima, in modo quasi ossessivo, pensare di dividere il letto con un’altra è pura follia. Sono sconcertata da questo racconto, devo per forza reagire, ho due figlie da proteggere”.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto