E’ davvero incredibile quel che è capitato a Rose McGowan. L’ex volto di Streghe, tra le primi attrici d’America a denunciare pubblicamente lo scandalo Harvey Weinstein, e da giorni molto attiva e polemica nei confronti di chi ha taciuto per 30 anni ‘coprendo’ le molestie del produttore, è infatti andata incontro ad una censura social.

Il suo account Twitter, come rivelato tramite Instagram, è stato sospeso per 12 ore.

“TWITTER MI HA SOSPESO. CI SONO FORZE POTENTI AL LAVORO. SIATE LA MIA VOCE. #ROSEARMY.”

Violati i termini del servizio, le ha fatto sapere il social network, senza specificare quali violazioni avrebbe commesso la McGowan, giustamente stizzita dalla mannaia caduta sul suo profilo. D’altronde è raro che Twitter sospenda un account, a differenza di Facebook dove tutto ciò avviene molto più frequentemente, con Rose non solo molestata da Weinstein, a suo tempo, ma ora persino ‘punita’ per aver cavalcato l’onda di indignazione che ha travolto il produttore prmeio Oscar.

TWITTER HAS SUSPENDED ME. THERE ARE POWERFUL FORCES AT WORK. BE MY VOICE. #ROSEARMY

Un post condiviso da Rose McGowan (@rosemcgowan) in data:

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Gossip Straniero Leggi tutto