Sandra Milo contro l'imitazione di Virginia Raffaele a Storie vere: "Non è stato un bel numero di televisione"

Sandra Milo contro l'imitazione di Virginia Raffaele a Storie Vere

sandra-milo-a-storie-vere.jpg

Imperversa, a distanza di qualche giorno, la polemica a distanza tra Sandra Milo e Virginia Raffaele, rea di un'imitazione, considerata, dai detrattori, troppo 'sessista, offensiva con battute a sfondo sessuale fuori luogo'. Una sorta di 'processo televisivo' nei confronti della comica che ha avuto, forse, un esagerato slancio di ironia verso la musa di Fellini (indignando anche la figlia) ospite, stamattina, a Storie vere dopo la partecipazione di ieri a Domenica Live:

Ringrazio mia figlia per il rispetto che ha portato nei confronti di un genitore. Sono 72 anni che lavoro, ho iniziato a lavorare a 12 anni. Non sono ricca, non ho una casa. Non ho mai misurato gli uomini dalle mani. Questi sono i veri valori della vita. Mi interessa il cuore della gente.

Eleonora Daniele, con un nutrito gruppo di opinionisti in studio, ha ricostruito la polemica e reso omaggio ad una delle ultime dive del nostro cinema. Con la Raffaele, c'è stato un tentativo di chiarimento (ma non le scuse):

Mi ha chiamata. Sono una sua grande ammiratrice. Mi ha detto: "Ti ho visto da Fazio e mi sono detta che volevo essere te per dieci minuti". Mi auguro che lei sia molto meglio di quanto mi hai rappresentato. Dalla sua imitazione, non si colgono degli accenti che danno una cattiva impressione. Perché è contro le donne dello spettacolo? Non le perdono la mancanza di eleganza per tutto il tempo. Non è stato un bel numero di televisione.
  • shares
  • Mail