Paola Turci: "Ho cominciato ad accettare i miei limiti e i miei complessi"

La storia tra Paola Turci ed il giornalista Andrea Amato è finita in maniera serena. Parola della cantante.

paola-turci.jpg

Il tema dell'accettazzione di se stessi è molto caro a Paola Turci. C'ha scritto un libro, messo in scena uno spettacolo teatrale e ora pure scritto una canzone (quella in gara al prossimo Festival di Sanremo, Fatti bella per te). "Devo confidare che molto spesso mi sono scordata di me. Mi sono proposta così come mi veniva richiesto dalla persona che in quel momento amavo o frequentavo. Cercavo di compiacere, era il mio modo di volere bene. Oggi non è più così. Mi devo prima piacere io. Mi piaccio da poco. Ho cominciato ad accettare con più serenità i miei limiti e i miei complessi. Piano piano ho imparato a scoprirmi, a voler bene alle mie cicatrici, quelle visibili e quelle interiori", ha raccontato al giornalista Pierluigi Diaco sul settimanale Oggi.

La storia con il giornalista Andrea Amato (attuale direttore di TvZoom) è finita in maniera serena: "Ci vogliamo ancora molto bene. Quando siamo andati a separarci, la signora che ci ha fatto firmare le carte era abbastanza sorpresa dalla civiltà e dalla complicità che ancora ci unisce. Non abbiamo mai smesso di parlarci e di sorriderci, anche se non ci vediamo spesso".

E aggiunge: "Mi sento libera dalle convenzioni e da certi obblighi. Anche se ci tengo a dire che la mia dimensione genitoriale la vivo comunque, così come possono viverla tutte le persone che, come me, non hanno figli. Sono genitore di chi amo e di quelle poche persone a cui voglio bene veramente. Certo, è più semplice: non c’è il dovere della costanza come con i figli, ma è altrettanto intenso".

  • shares
  • Mail