Giancarlo Magalli: "Heather Parisi ha brutto carattere, fa capricci. Disposto a scusarmi col marito"

La sentenza del conduttore di I Fatti Vostri: "Le donne, purtroppo, spesso lavorano non tanto perché brave, ma perché belle o un po’ raccomandate"

2017-01-12_123542.jpg

Giancarlo Magalli, intervistato dal settimanale Oggi, torna a parlare di Heather Parisi. Ma non solo. Chiarito che con Pippo Baudo "c’è sintonia, amicizia, complicità umana e professionale", il conduttore di I Fatti vostri (dal lunedì al venerdì in diretta su Rai2) spiega che in televisione le donne "purtroppo spesso lavorano non tanto perché brave, ma perché belle o un po’ raccomandate". Interpellato su Mara Carfagna, oggi parlamentare e in passato nel cast proprio della trasmissione condotta da Magalli, ecco la risposta:

Era molto simpatica, la classica ragazza napoletana. Poi venne eletta e mantenemmo un buon rapporto, affettuoso. Da ministro le scattò qualche cosa di strano: a malapena salutava e, se chiamavi, non rispondeva al telefono. È salita su un piedistallo su cui l’abbiamo lasciata.

Quindi le parole su Heather Parisi, con la quale, complice il ritorno in tv della showgirl americana in Nemicamatissima, in tempi recenti è tornato a polemizzare:

È bravissima nel suo lavoro, quando canta e balla non ha rivali. Ma ha un cattivo carattere. Anni fa feci un programma con lei e pensi che la Rai pretese la presenza in studio dell’avvocato di Heather. Il motivo? Faceva talmente tanti capricci che Viale Mazzini diceva che, qualora ci fosse stato bisogno di licenziarla, era meglio che fosse presente anche il suo legale. Chiaro? Ha avuto una bella occasione con Lorella, ma l’ha sprecata.

Umberto Maria Anzolin, marito della Parisi, ha querelato Magalli "perché ho detto che lui è andato ad Hong Kong da latitante". Oggi il Presidente spiega:

La parola è stata forse inappropriata perché lui non è mai stato inseguito da un mandato di cattura. Però, di fatto, andò lì per prendere le distanze dalla giustizia italiana. Recentemente la cosa si è risolta attraverso un concordato. Io ero disposto a chiedere scusa per l’esagerazione dell’espressione “latitante”,ma lui ha voluto andare avanti con la querela. Decideranno i giudici, non perderò certo il sonno per questo.

Per la cronaca, ieri Magalli ha commentato a modo suo l'approdo in Rai per il Festival di Sanremo di Maria De Filippi.

  • shares
  • Mail