Adele confessa: 'ho sofferto di depressione post-partum'

«Ho avuto una brutta depressione post-partum dopo la nascita di mio figlio, e ho paura di farne un altro». Parla Adele.

adele-completely-unrecognizable-in-the-mask-costume-for-halloween.jpg

Regina di vendite tanto nel 2015 quanto nel 2016, con 25, suo 3° disco di inediti, riuscito a vendere quasi 20 milioni di copie in tutto il mondo, Adele troneggia sulla copertina dell'ultimo numero di Vanity Fair Usa.

Primo piano splendido per la cantante britannica, 28 anni e un figlio, Angelo, nato nel 2012 e portatore di una vera e propria depressione post-partum. A confessarlo, per la prima volta, la stessa Adele.

«Ho avuto una brutta depressione post-partum dopo la nascita di mio figlio, e ho paura di farne un altro». «Il mio fidanzato diceva che avrei dovuto parlare con altre donne. Io gli ho detto che non mi serviva andare in giro con un gruppo di mamme per superare i miei traumi. Poi, senza nemmeno accorgermene, mi sono resa conto che stavo gravitando attorno a donne incinte e altre donne con bambini. Loro erano più pazienti. A volte è bene parlarne, ma a volte capita di non ascoltare perché si è troppo stanche. Le mie amiche che non avevano figli non capivano. Al contrario, con altre madri, sentivo di poter parlare apertamente e senza essere giudicata. Un giorno ricordo di aver detto ad un’amica: “Tutto questo mi fa schifo”. E lei scoppiò a piangere dicendo: “Fa schifo anche a me”. È stato un sollievo». «Prima pensavo che la depressione post-partum, o post-natale come la chiamiamo noi in Inghilterra, consistesse nel rifiutare il proprio bambino, nell’avere paura continua di fargli male, nel pensare di non essere all’altezza del ruolo. Ma per me non è stato così. Io ero ossessionata da mio figlio, ma mi sentivo inadeguata, come se avessi preso la peggiore decisione della mia vita. Può presentarsi in forme diverse». «Ad un certo punto mi sono detta: “Voglio trascorrere un pomeriggio o una sera senza il mio bambino. Una mia amica mi ha detto: “Dici sul serio? Non ti senti in colpa?”. E io ho risposto: “Sì, ma se non lo facessi, starei ancora più male”. Quattro delle mie amiche hanno passato la stessa cosa e tutte si vergognavano nel parlarne. Credevano che tutti avrebbero pensato che fossero delle cattive madri. Non è vero. Dedicarsi a se stesse aiuta a farci diventare delle mamme migliori».

Depressione superata, per la cantante, tornata in forma smagliante con 25 e da circa un anno in giro per il mondo con un tour che puntualmente fa tutto esaurito in ogni dove. Tra un palco e l'altro, però, Adele trova anche il tempo per divertirsi, tanto dall'essersi trasformata in The Mask per la notte di Halloween. E il piccolo Angelo, ne siamo sicuri, avrà sicuramente apprezzato.

@vanityfair

Una foto pubblicata da @adele in data:



Halloween 2016 / Dallas, TX

Una foto pubblicata da @adele in data:



Halloween 2016 / Dallas, TX

Una foto pubblicata da @adele in data:


Fonte: CNN

  • shares
  • Mail