Alba Parietti: "Dopo due choc, ho iniziato a cercare rapporti sadomaso"

Alba Parietti, la forma depressiva borderline ed i rapporti sadomaso.

alba-parietti-2.png

Un'Alba Parietti che non ti aspetti, quella su Libero. Un'Alba fragile, spesso strattonata dalla vita. "Ho sempre avuto una forma depressiva borderline che ha condizionato la mia vita e le mie condizioni psicofisiche: stanchezza, serenità, allegria, ansia. Poi succedono cose che ti ricatapultano in quegli stati di disperazione in cui ti sei trovato da bambino. E, di colpo, ricadi nel baratro. Delusioni affettive, lutti, liti con tuo figlio, situazioni in cui non ti senti capita, in cui hai paura di essere giudicata male", racconta alla giornalista Alessandra Menzani.

La showgirl è sempre stata protagonista di storie tormentate ma, alla fine dei conti, i rapporti con i suoi ex restano buoni. Tranne con uno: "Non ho un buon rapporto solo con Cristiano de Andrè, eppure ci siamo voluto bene per 30 anni. Ho delle colpe anche io, sono un po' sadomaso, sono attratta dagli amori malati e tormentati, ci sto molto male ma li cerco. Ho il terrore di annoiarmi, e forse è per questo che crea artificialmente delle situazioni pericolose. Forse per allontanarmi dalla paura di invecchiare".

Questi rapporti nascono da due "choc": "Il 4 novembre 2004 ho avuto un incidente mortale in auto. Ho rischiato di essere decapitata e mi è venuta la 'sindrome del sopravvissuto': una specie di senso di colpa al contrario, non mi capacitavo di essere viva. Due anni dopo è successa una tragedia. E' morta la ragazza che all'epoca era fidanzata di mio figlio. Venticinque anni. Mi è venuta una forma depressiva fortissima che ha scardinato tutta la mia vita e l'ha distrutta sul piano sentimentale".

"Ho iniziato a cercare il pericolo e rapporti sadomaso, come fossero delle droghe che ti allontanano dalla realtà. Non sono solo vittima, ma anche carnefice", conclude.

  • shares
  • Mail