Rio 2016, Rachele Bruni dedica l'argento alla compagna Diletta: "Mai preoccupata dei pregiudizi, vivo con naturalezza"

L'atleta azzurra ha dedicato la medaglia d'argento alla fidanzata Diletta.

rachele-bruni-vittoria-argento-rio-2016-dedica-compagna-diletta-coming-out.jpg

Rachele Bruni è una delle atlete italiane trionfatrici a Rio 2016. La nuotatrice azzurra si è aggiudicata la medaglia d'argento nella 10 km di nuoto, nonostante una palese scorrettezza dell'avversaria francese (squalificata). La nuotatrice di Firenze, in forza al Centro Sportivo Olimpico dell'Esercito, subito dopo la vittoria ha ringraziato i suoi affetti, la sua famiglia, l'allenatore e Diletta, la sua compagna..

Una sorta di coming out, naturale e spontaneo, e prima volta per un atleta vincitrice di medaglia olimpica. Ai microfoni di Casa Italia, dopo le parole del post gara, ha aggiunto:

Ho dedicato il mio argento anche a Diletta: non ho mai fatto coming out, ma non mi sono neanche mai preoccupata dei pregiudizi. Io vivo la mia vita con naturalezza. Dite che ci vuole coraggio? Non lo so, so solo che mi e' venuto naturale pensare alla mia Diletta. E non ai pregiudizi della gente. Io l'ho sempre vissuta naturalmente, senza problemi, lo sanno tutti ma io non ho mai fatto outing... Indubbiamente ci sono persone che hanno ancora dei pregiudizi, ma io vivo serena e tranquilla senza pensare a questo: vivo per me stessa, per la mia passione per il nuoto e per le persone che mi vogliono bene

Dello stesso avviso la compagna Diletta, per nulla stupita dalle parole pubbliche della fidanzata:

Cosa ha detto di strano Rachele? Solo che era per me, senza aggiungere altro: è questo che mi piace di lei, lei è diretta, spontanea, naturale.

Una bella pagina sia sportiva che umana, questa, che va ad arricchirsi alla soddisfazione della medaglia vinta. E il tutto è percepito in modo così naturale anche dalla famiglia dell'atleta, presente ai festeggiamenti in onore della figlia. Queste le parole della madre Bruna:

Per un genitore l'importante è la felicità di un figlio, qualsiasi strada prenda. Alle volte, l'ipocrisia è un'arma per proteggersi, sei costretto a non dire. Ma noi abbiamo sempre amato tutti e tre i nostri figli. L'unica cosa che ci ha fatto male è vedere partire Rachele per Roma.

  • shares
  • Mail