Sarah Jessica Parker su Marie Claire: non sono una femminista

Sarah Jessica Parker torna sulla HBO con Divorce.

NEW YORK, NY - AUGUST 02:  Actress Sarah Jessica Parker attends the Accessories Council 20th Anniversary celebration of the ACE awards at Cipriani 42nd Street on August 2, 2016 in New York City.  (Photo by Jamie McCarthy/Getty Images for Accessories Council)

12 anni dopo la chiusura di Sex and the City, storica serie con cui vinse 4 Golden Globe, 3 Screen Actors Guild Awards e 2 Emmy Awards, Sarah Jessica Parker si appresta a tornare sulla HBO con Divorce, nuova serie che la vedrà assoluta protagonista. Intervistata da Marie Claire e sbattuta in prima pagina sull'ultimo numero, la Parker, da quasi 20 anni moglie di Matthew Broderick, ha confessato di non amare particolarmente l'etichetta 'femminista', a lei spesso affibiata causa Carrie Bradshaw.

'Non sono una femminista, non credo che mi qualifichi come tale. Credo nelle donne e credo nell'uguaglianza, ma penso che ci sia così tanto che deve ancora essere fatto. Voglio solo che la gente venga trattata allo stesso modo'.

Motto che suona decisamente 'femminista', eppure Sarah vuole andare oltre, prendendo di petto anche la gravosa questione dei salari, sempre differenti tra uomo e donna.

'Mi piacerebbe che tutte queste sciocchezze terminassero, vorrei che le donne venissero pagate per il valore che esprimono, non per antiquate idee di genere. Per esempio, Jennifer Lawrence merita ogni dollaro quanto la sua controparte maschile. E' indiscutibile'.

Una Parker 'divorziata' nella finzione tv eppure nella vita reale ancora legata a Broderick, sposo dal 1997 e padre della piccola James Wilkie, nata nel 2002. Successivamente la coppia ha avuto Marion Loretta Elwell e Tabitha Hodge, nate nel 2009 tramite madre surrogata.

gallery-1470320005-mcx090116coverweb.jpg

Fonte: EOnLine

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail