Cara Delevingne senza veli per Esquire - foto

"Ero depressa, avevo istinti suicidi". Così Cara Delevingne su Esquire.

British model and actor Cara Delevingne poses as she arrives to attend the European premiere of the film Suicide Squad in central London on August 3, 2016.  / AFP / JUSTIN TALLIS        (Photo credit should read JUSTIN TALLIS/AFP/Getty Images)

Incantatrice nell'imminente Suicide Squad, Cara Delevingne, da settimane ufficialmente fidanzata con St. Vincent, è tornata a denudarsi sull'ultimo numero di Esquire. Corpo da urlo per l'ex modella ormai prestata a tempo pieno al mondo del cinema, con tanto di rivelazioni 'shock' da distribuire ai lettori del magazine.

"Ero depressa, avevo istinti suicidi. Gli ormoni, la pressione di avere un buon rendimento scolastico per rendere fieri i miei genitori... Ho avuto un esaurimento nervoso"."Non ce la facevo più a vivere con tutta quell'ansia. Certo, sapevo di quanto fossi fortunata e privilegiata, ma tutto quello che volevo era farla finita. Se mi sentivo in colpa? Mi odiavo. Mi sentivo una fallita totale". "Per stare meglio m'imbottivo di antidepressivi. Mi annebbiavano i sensi, non riuscivo neppure a pensare. Quando ho smesso di prenderli, avevo 18 anni. Mi sono detta 'basta', e... ho cominciato a sentire di nuovo".

Aneddoti particolarmente forti, come detto, per una Cara che è poi passata al lato 'sessuale' della propria adolescenza.

"Quella settimana ho perso la verginità, ho fatto a botte, ho pianto e ho riso. È stata la cosa migliore del mondo riuscire a sentire di nuovo".

Una Delevingnea 360°, in sostanza, che per finire dice basta alle medicine:

"È molto facile diventarne dipendenti e abusarne. Tutt'ora soffro di momenti di depressione, ma preferisco provare ad uscirne da sola piuttosto che con i medicinali".

gallery-1470318544-news-cmyk.jpg

gallery-1470318145-160410-shot-05-01538-ret6-flat-with-logo.jpg

Fonte: DigitalSpy

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail