Renzo Bossi: "Non sapevo di essere laureato in Albania"

Il processo 'The Family': Renzo Bossi si difende.

Renzo Bossi son of Umberto Bossi, populist Northern League leader attends a party press conference in Milan on March 29, 2010. Italy's regional elections drew the lowest turnout in 15 years, handing a wake-up call Monday to embattled Prime Minister Silvio Berlusconi and his centre-right governmentAFP PHOTO / GIUSEPPE CACACE (Photo credit should read GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)

Non è mai stato simpatico alle grandi masse, Renzo Bossi in arte (quale arte?) "Il Trota". Il figlio dell'ex simbolo della Lega Nord, Umberto Bossi, in questi giorni si è presentato in aula per il processo milanese 'The Family' ("riguarda nello specifico i circa 500 mila euro di rimborsi della Lega Nord che, secondo l'accusa, Bossi e i suoi figli avrebbero preso dalle casse del partito per spese di natura personale") e per spedire al mittente tutte le accuse.

La più divertente, bisogna dirlo, è quella relativa alla laurea comprata all'Università Kristal di Tirana con, si dice, 77mila euro sottratti dalle casse del partito. "Escludo di essermi mai laureato. Ho saputo della mia laurea in Albania solo dopo questa indagine... Sono rimasto perplesso prima di tutto perché la data di nascita scritta sul diploma di laurea è sbagliata". Si è laureato a sua insaputa, insomma. Deve aver imparato da Scajola.

"Non ho mai ricevuto un soldo dalla Lega Nord. Non ho mai chiesto denaro all'amministrazione del partito e tanto meno all'ex tesoriere Francesco Belsito. Non ho mai ricevuto indennizzi o altri benefici di natura economica, non avevo bisogno di chiedere soldi. Al contrario io, come tanti altri eletti della Lega Nord, versavo un contributo volontario al partito", si difende.

E, aggiunge: "Non sono mai stato beneficiario di un'Audi A6 pagata con i soldi del partito. Quella è una vettura acquistata dalla Lega per la Lega. Veniva usata da me e altri esponenti del partito per essere accompagnati ad appuntamenti politici, ma la usavo saltuariamente e non è mai stata un'auto mia esclusiva. All'epoca c'erano diversi preventivi di auto da valutare. Sono notoriamente un appassionato di macchine e in quell'occasione ho espresso solo un parere".

Gli crederanno?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail