Al settimanale Gioia, Asia Argento ha confessato, in una lunga intervista, il proprio punto di vista sull’amore. L’attrice ha rivelato di aver avuto un vero e proprio fidanzato solamente in adolescenza:

Sì, al liceo. Non ci potevo credere che voleva stare con me. Poi mi allontanai per fare un film. Al ritorno mi aspettava all’aeroporto e di colpo l’ho lasciato. Non ho mai capito come finisce l’amore. Durante le riprese gli avevo messo mille corna, ma lo pensavo.

La fedeltà non è stata mai una delle sue prerogative fondamentali per far durare un rapporto:

No. In quarta ginnasio avevo cinque fidanzati che vennero tutti davanti a scuola. Dicevano: «Io sto con Asia, no ci sto io, no io… ». Poi mi hanno mandato tutti al diavolo, non ero così dominatrice. Solo che mi fidanzavo con tutti, insomma ci si baciava.

Asia non ha nemmeno approfondito la possibilità di essere stata ‘cornificata’ da qualcuno:

Non me ne frega nulla della fedeltà. Il tradimento non è con un altro corpo, è quando non c’è più la comunione.

Parlare di grande amore è quasi una chimera:

Non nella realtà. Però una bella convivenza l’ho avuta. Breve. Lui era un pescatore. Stavamo nella sua casa senza Internet, senza acqua calda, in un posto isolato. I miei figli erano in vacanza. Mi ha insegnato a pescare. Si lavorava insieme, poche parole: ecoscandaglio, l’esca viva o a traino. Ho visto un pesce morire. Da grigio è diventato pallido, ho visto il momento in cui è andato da un’altra parte. Quando pulivo il pesce avevo paura di sbagliare, lui col pesce ci viveva: sbagliare era come rompere un pezzo di Gallé.

Il sesso, però, è sempre stato un ottimo collante con i suoi partener

Sì, sempre, perché se non c’è quello… Io con gli uomini ho sempre detto: «No guarda, non si fa così». Poi erano più contenti perché non sanno toccare il corpo di una donna, sono terrorizzati, è come se dovessero affrontare un’operazione. Uno li deve guidare. Se fosse per loro si masturberebbero e basta di fronte al corpo femminile. Molto meglio con le donne. A letto. Nella vita le donne sono noiose con le donne. Possessive. Ma sono più perspicaci (Asia cambia discorso). Cresco i miei figli da sola, i padri non contribuiscono in alcun modo, né pratico né affettivo. A cosa servono, allora? Ho un’amica lesbica in Danimarca che ha fatto un bambino senza un partner: porta il suo cognome, nessuno può fare rivalse. Invece, tanti padri di oggi vogliono solo creare ostacoli e non fanno nulla per i figli, non ci sono.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto