Valeria Golino e Riccardo Scamarcio, stanchi di dover sempre rispondere a domande di gossip sulla loro relazione e presunta rottura, si sono presentati insieme a Cannes per dimostrare che tra loro va tutto a gonfie vele. Sarà bastato questo a cancellare mesi di pettegolezzi e vociare sulla loro relazione?

Pare di no.

Il sito Dagospia, infatti, nella rubrica “Fumo di Londra”, scrive che in realtà la Golino ha un nuovo amore che la rende molto felice. Con Scamarcio, quindi, è rimasta solo un’amicizia? Sembra di sì:

Ho potuto sbirciare a distanza ravvicinata la seconda giovinezza di Valeria Golino. Ragazzi, se quella sta ancora con Riccardo Scamarcio io sono la pronipote dell’arcivescovo di Canterbury. La ragazza è troppo figa e troppo felice perché tutta questa ondata positiva provenga da un amore paludato. Già a Cannes i due mi erano sembrati vecchi amici, affettuosi ex, gente che è stata a lungo assieme e conserva un’amicizia tale da interessarsi l’una della salute dell’altro. Ma ora ho avuto la conferma che Valeria deve avere un gioioso filarino.

I primi a parlare di una crisi di coppia, con Valeria innamorata di un uomo francese (e c’era chi parlava di Vincent Cassel), sono stati quelli di Novella 2000. In quell’occasione arrivò la prima smentita dei due attori. E’ poi arrivato il settimanale Chi, che ci ha raccontato di lei che se ne va di casa e trova ospitalità da un’amica.

[Con Riccardo] va tutto bene. Ci vedrete insieme sul red carpet di Cannes. Le difficoltà raccontate non hanno niente a che vedere con quelle che potrebbero essere le nostre. Le cose scritte sui giornali erano… che devo dire, inventate, non ho altre parole per descriverle. Nel privato può succedere anche molto peggio di così – non sta succedendo in questo momento ma può succedere. Non così, però.

Raccontava la Golino i primi di maggio, e le faceva eco pochi giorni dopo Scamarcio:

Casa e bottega per noi funziona ed è bello. La sfera lavorativa e quella privata sono una cosa unica. Lavorare insieme è meglio, non solo come attori, ma anche come produttori, per costruire qualcosa da zero. La nostra è una condivisione totale e completa di emozioni, una sensazione fortissima, che è conseguenza di un’intesa e di un lavoro di squadra incredibile. Per noi è la coronazione di un sogno, come fare un figlio: lo crei e poi lo mostri al pubblico, allora inizia a camminare da solo.

Tutto risolto dunque? A leggere Dagospia sembrerebbe tutta un’altra storia…

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Italiano Leggi tutto