Cristiano De Andrè replica alla figlia Francesca: "Sono diventato il suo capro espiatorio. Spero in una riconciliazione"

La figlia del cantautore è stata intervistata a Domenica Live.

francesca-de-andre.jpg

Francesca De Andrè è stata nuovamente ospite di Domenica Live, il programma condotto da Barbara D'Urso. Il padre Cristiano, autore del libro autobiografico La versione di C., infatti, ha replicato alle dichiarazioni che sua figlia ha rilasciato durante la scorsa puntata del programma di Canale 5.

In quest'intervista, Francesca ha esordito, difendendosi dalle persone che sui social network la accusano di infangare il proprio cognome:

Io non vengo qui a diffamare il mio cognome, io vengo qui per difendermi da diffamazioni pubbliche.

Il concetto è stato successivamente ribadito dopo aver ascoltanto altri passi tratti dal libro La versione di C., riguardante il rapporto turbolento tra Cristiano De Andrè e suo padre Fabrizio:

E poi sarei io quella che infanga il cognome... Io parlo di mio padre che è in vita e che può sentire quello che io dico. Non posso dire se questi aneddoti sono veri, io non c'ero. Io lascio il commento alle persone che leggono: queste dichiarazioni sono di valore nei confronti dell'artista che è stato suo padre? Se mio padre ha fatto esperienze di questo tipo, perché ha riproposto le stesse cose, se non peggiori, a noi figli? Quando io sarò madre, non farò gli stessi errori di mio padre. Io questo non me lo spiego.

Francesca De Andrè ha anche commentato una recente foto del padre Cristiano con le sorelle Alice e Fabrizia:

Io voglio un bene dell'anima alle mie sorelle. Con Alice, ho un rapporto molto intenso. Tra noi quattro figli, c'è ancora chi vive nella speranza che lui possa essere diverso.

Francesca, successivamente, si è commossa nel guardare un filmato riguardante la comunità educativa nella quale ha trascorso parte della propria adolescenza. Le affermazioni di Cristiano De Andrè, che nel libro ha scritto che Francesca ha trascorso nella struttura un periodo pari a tre mesi, sono state smentite:

Io non dico bugie. Sono gli altri a dirle. Io non voglio passare per chi non sono. Io ho vissute queste cose. L'ha detto una suora e una suora non può certo mettersi in combutta contro mio padre. Lui non era presente quando io ero in orfanotrofio, se n'è lavato le mani. Non è mai venuto.

Francesca De Andrè ha anche ricevuto una video-lettera del fratello gemello Filippo:

Sei brava ad aver trovato il coraggio e la voglia di dire la verità. Chi ha le proprie responsabilità, non deve farla franca raccontando fandonie. Sono al tuo fianco, conta sempre su di me.

Cristiano De Andrè, quindi, ha replicato all'intervista della figlia andata in onda durante la scorsa puntata di Domenica Live:

La sua sofferenza è la mia. Non posso accettare che quanto scritto possa essere etichettato come falso. Ho voluto farmi conoscere come uomo, figlio e padre, senza omissioni. Nel rapporto con i miei figli, non ho mai manifestato ostilità, chiusura o volontà di mistificare gli accadimenti. Pensavo che Francesca capisse e che scegliesse di spezzare la catena della negatività, la stessa che non le permette di vedere i miei lati positivi. Spero in una definitiva riconciliazione con i miei figli, io spesso ho fatto il primo passo. Non capisco perché Francesca abbia scelto il mezzo televisivo per spiegarmi cosa la induca ancora ad essere lontana. Francesca non ha raggiunto una serenità tale da affrontare e superare il dolore che l'affligge. Per questo, ha pensato di crearsi un capro espiatorio, suo padre. Spero di ritrovare con lei il rapporto che ho ora con Fabrizia, di cui è stata riportata un'intervista di qualche anno fa, e Alice.

Francesca De Andrè ha controreplicato, smentendo i tentativi di riconciliazione del padre:

Mia sorella Fabrizia ha raccontate cose che comunque sono successe. Il fatto che si sia riavvicinata a lui non cancella ciò che lui ha fatto ai suoi figli. Il gesto di riconciliazione è un libro pieno di menzogne e diffamazioni? Mio padre non ha mai provato a contattarmi. Quando l'ho contattato io, lui non si è mai fatto sentire.

  • shares
  • Mail