Giuseppe Cruciani: "Marco Pannella e quella volta che abbiamo dormito insieme..."

Giuseppe Cruciani ricorda Marco Pannella a modo suo.

giuseppe-cruciani-1.jpg

Il lato provocatorio di Giuseppe Cruciani non si fa da parte neppure davanti alla morte. Marco Pannella se n'è andato ed il giornalista de La Zanzara ricorda un aneddoto particolare ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it). "La notte che ho dormito con Pannella mano nella mano? E' tutto vero - debutta in radio -. Ho lavorato per un brevissimo periodo in Radio Radicale, ormai tanti anni fa. Era l'estate del 1993, c'era il convegno dei giovani industriali a Santa Margherita Ligure, io avevo iniziato da poco a lavorare a Radio Radicale".

Quindi entra nel dettaglio: "Pannella ha sempre questo modo di fare molto amichevole, non ho mai creduto alla sua omosessualità, Pannella secondo me amava tutti, uomini e donne indistintamente, era in un certo senso pansessuale. Non voglio far diventare questo episodio un gossip. Io semplicemente lo seguii in quella giornata, lui prenotò una sola camera e c'era un solo letto. All'inizio ero un po' imbarazzato, perché nel '93 la mia libertà sessuale di adesso, pur essendo io eterosessuale, era un po' acerba".

Quella notte è stata particolare per Cruciani: "Si trattava di dormire con Pannella, non era una cosa così scontata, con una certa timidezza mi sono messo a letto e a un certo punto ho sentito una mano che mi si avvicinava e mi stringeva la mano. Ho un po' sudato, ho dormito poco quella notte. Ma non perché avessi paura di qualcosa, Pannella non era assolutamente una persona aggressiva, era più avvolgente che altro. Non ho mai creduto a tutte le storie che si dicono, dei leader radicali che sarebbero passati dal letto di Pannella. Lui era pansessuale, si può innamorare sia di un uomo che di una donna. Quella notte ho avuto un po' di sudori freddi. Lui a un certo punto si è addormentato, la cosa si è conclusa lì, non è stato né un trauma né c'è stato alcun seguito a questa vicenda".

Era doveroso?

  • shares
  • Mail